Il Mucolitico Fluimucil è un farmaco che si assume per curare la tosse grassa, ossia un tipo di tosse che caratterizzata da ipersecrezione densa e vischiosa. Il Mucolitico Fluimucil interviene quindi per sciogliere il muco, per aiutare a liberare le vie respiratorie ostruite e per alleviare la tosse. Viene venduto in pratiche bustine monodose e il sapore di arancia aiuta a rendere il medicinale più gustoso da ingerire.

Composizione del farmaco

Ogni bustina di Mucolitico Fluimucil contiene al suo interno: il principio attivo N-acetilcisteina; gli eccipienti: granulare di succo di arancia, aroma di arancia, saccarina, E 110, saccarosio.

La N-acetilcisteina, ossia il principio attivo del Mucolitico Fluimucil, è in grado di esercitare un’intensa azione mucolitica e fluidificante sul catarro, depolimerizzando i complessi proteici e gli acidi nucleici che lo rendono vischioso (e che quindi provocano una tosse di tipo grasso). Questo principio attivo ha inoltre un’azione antiossidante, che inibisce i radicali ossidanti e incrementa i meccanismi di difesa delle membrane respiratorie.

Indicazione sull’assunzione

Le indicazioni terapeutiche sull’assunzione di Mucolitico Fluimucil prevedono che se ne assuma una bustina per due o al massimo tre volte al giorno, da un minimo di cinque ad un massimo di dieci giorni, in base all’acutezza della tosse grassa.

È sconsigliato assumere Fluimucil Mucolitico qualora si stiano già prendendo: farmaci antitussivi; carbone attivo, che potrebbe ridurre l’effetto dell’N-acetilcisteina; sntibiotici per via orale, la cui attività viene diminuita da Fluimucil Mucolitico; nitroglicerina, per il rischio di ipotensione anche grave e cefalee.

Fluimucil Mucolitico è inoltre controindicato nei bambini di età inferiore ai due anni ed è raccomandata particolare attenzione nella somministrazione del medicinale ai pazienti affetti da ulcera peptica. L’assunzione del principio attivo N-acetilcisteina deve avvenire sotto stretta sorveglianza medica nel caso di pazienti affetti da asma bronchiale e durante i periodi di gravidanza e allattamento.