Mentre l’Italia va a rotoli e sempre più gente è in bolletta, l’Italiano ha un modo tutto suo di reagire alla depressione da spread… abbiamo la pizza, certo, e il sole, a tenerci lontani dal rischio di perdere il sorriso, ma se c’è una cosa in cui l’abitante del Bel Paese primeggia rispetto al resto dell’Europa è la sua capacità di ridere di se stesso e delle proprie disgrazie, e di non prendersi troppo sul serio.

Così, quando non resta nient’altro da fare, è meglio riderci su, e già che ci siamo, fare un po’ di movimento che ci tenga in forma, in barba alla crisi economica e alle ristrettezze economiche che ci chiedono sacrifici quotidiani, specialmente in estate. Del resto, non costa proprio niente…

Come fare? Sembra che per questo 2012 dominato dalla paura dello spread e dal governo dei banchieri, sia noto un nuovo tormentone dell’estate: è il Ballo dello Spread di Max e Lopez, che già dilaga nei campeggi e nelle discoteche all’aperto della Penisola come il nuovo ballo di gruppo. Ci si ride su, insomma, e si balla… perché nella sua semplicità, il testo della canzone riassume lo stato dell’Italia. Poveri ma belli? Beh, belli ci si diventa a forza di ballare… allegri invece ci siamo nati.

Imparatela e dateci dentro! Vedrete che vi sentirete meglio…