Minoxidil è un noto il farmaco per la cura della calvizie comune ereditaria (alopecia androgenetica). Scoperto nel 18° secolo come trattamento per l’ipertensione, il medicinale è stato quindi apprezzato per la potente azione antipertensiva ed in seguito come stimolatore della crescita del capello.

La possibilità di impiegare il farmaco per combattere la caduta dei capelli fu intravista sul finire degli anni ’70, quando vennero documentati i primi episodi di ipertricosi in seguito a trattamenti antiipertensivi a base di Minoxidil. Non è ancora chiaro come il farmaco sia in grado di stimolare la ricrescita dei capelli, tuttavia si suppone che tale “efficacia collaterale” sia legata al maggior apporto sanguigno nei follicoli capillari, unitamente all’azione del farmaco come attivatore dei canali del potassio (Pcos). La prima lozione con Minoxidil è stata quindi approvata per la commercializzazione già alla fine degli anni ottanta.

Di fatto, il trattamento con Minoxidil si rivela efficace nel prevenire e curare la perdita prematura dei capelli, favorendo la fase anagen e stimolando la produzione del tessuto di formazione del capello stesso.

In commercio esistono oggi diverse formulazioni del farmaco: al 2% o al 5%, formula che garantisce il 45% di ricrescita in più rispetto alla a quella più diluita, che tuttavia risulta più tollerabile in soggetti particolarmente sensibili all’effetto ipotensivo del Minoxidil ed ugualmente efficace nel rafforzare il fusto del capello e ridare consistenza alla massa della chioma.

Minoxidil è in vendita in farmacia, solo dietro prescrizione medica, sia nella versione commerciale, che in versioni galeniche preparate dal farmacista stesso; soluzione, quest’ultima, che comporta un consistente risparmio economico.

Il trattamento prevede l’applicazione topica di 1/2 ml di Minoxidil al giorno, per un periodo di tempo di almeno 6/12 mesi. La lozione va distribuita uniformemente sull’area interessata, massaggiando la cute con i polpastrelli. E’ importante non superare il dosaggio consigliato poichè, sebbene si possa pensare che una maggior quantità di prodotto possa velocizzare la ricrescita dei capelli, trattandosi di una lozione alcolica, si andrebbe invece incontro ad effetti collaterali quali irritazione del cuoio capelluto, rossori e desquamazioni, con conseguente annullamento degli effetti positivi di stimolazione della crescita, in quanto le infiammazioni perifollicolari rappresentano proprio le principali concause di caduta di capelli. Consultare dunque il proprio medico e leggere attentamente le istruzioni riportate sulla confezione prima di iniziare il trattamento.

E’ inoltre bene tenere presente che l’efficacia anticaduta di Minoxidil  resta subordinata ad una regolare e metodica applicazione del prodotto, da utilizzarsi due volte al giorno per almeno 4 mesi consecutivi. Nei soggetti che rispondono positivamente al trattamento si osserva un graduale e progressivo aumento del diametro e della lunghezza dei capelli, con arresto della caduta e, dopo circa 6 mesi, miglioramento del diradamento. Se il trattamento viene interrotto bruscamente si osserva tuttavia una rapida “ricaduta”, ed entro pochi mesi si regredisce fino a tornare alla situazione antecedente al trattamento. A fine terapia è quindi necessario intraprendere un periodo di mantenimento in cui si procederà diminuendo gradualmente il numero di applicazioni ed il dosaggio giornaliero. Minoxidil è inoltre tanto più efficace quanto più precocemente si inizia il trattamento. Numerosi studi dimostrano infatti come il farmaco risulti più efficace in soggetti di età inferiore ai 40 anni e con un’alopecia di durata inferiore ai 5 anni.

Trattandosi di un farmaco che richiede applicazione topica prolungata, si consiglia vivamente una periodica supervisione medica. Numerosi possono infatti essere gli effetti collaterali generati da un errato utilizzo dei prodotti a base di Minoxidil. Tra questi si ricordano: cefalea, gonfiori alle estremità, ipotensione, aritmie, capogiri, episodi di dermatite da contatto di natura allergica, prurito, secchezza e desquamazione del cuoio capelluto.