Dieci regole facili facili da seguire domani, per partecipare attivamente a M’illumino di meno, la campagna radiofonica diventata ormai popolarissima in Italia grazie a Caterpillar, Radio 2, ormai giunta alla sua ottava edizione per il 2012. E l’appuntamento radiofonico domani è doppio: dalle 6 del mattino con CaterpillarAM e, come al solito tra le 18 e le 19.30.

M’ILLUMINO DI MENO 2012

Quest’anno Caterpillar invita tutti a concentrare delle buone pratiche quotidiane nella giornata di domani (e naturalmente a proseguirle anche in futuro). Per aiutarvi e darvi qualche spunto in più, la sfida è quella di riuscire a rispettare, nella giornata di domani, le dieci regole del dacologo steso ad hoc per questa giornata. Le esperienze degli ascoltatori saranno condivise in radio nel corso della trasmissione.Ma non solo… le novità di quest’anno saranno molte, dai sindaci testimonial dei comportamenti ambientali virtuosi, che porteranno le proprie testimonianze in radio, sino agli oltre 100 componimenti in tema ambientale per il contest M’illum’inno (l’inno della manifestazione). Pronti a partecipare? E allora, ecco qua le buone abitudini stilate per la giornata di M’illumino di Meno 2012…

IL DECALOGO DI M’ILLUMINO DI MENO

1. spegnere le luci quando non servono

2. spegnere e non lasciare in stand by gli apparecchi elettronici

3. sbrinare frequentemente il frigorifero; tenere la serpentina pulita e distanziata dal muro in modo che possa circolare l’aria

4. mettere il coperchio sulle pentole quando si bolle l’acqua ed evitare sempre che la fiamma sia più ampia del fondo della pentola

5. se si ha troppo caldo abbassare i termosifoni invece di aprire le finestre

6. ridurre gli spifferi degli infissi riempiendoli di materiale che non lascia passare aria

7. utilizzare le tende per creare intercapedini davanti ai vetri, gli infissi, le porte esterne

8. non lasciare tende chiuse davanti ai termosifoni

9. inserire apposite pellicole isolanti e riflettenti tra i muri esterni e i termosifoni

10. utilizzare l’automobile il meno possibile e se necessario condividerla con chi fa lo stesso tragitto

E allora avanti… rispettare l’ambiente non è poi così difficile!