Il comitato scientifico per la sperimentazione del metodo, nominato dal ministro Beatrice Lorenzin, ha consegnato al ministero della Salute il rapporto sul Metodo Stamina di Davide Vannoni bocciandolo per mancata consistenza scientifica.

Un parere che segue il via libera alla sperimentazione dato dal Governo lo scorso maggio, e che ora dovrà essere vagliato dal ministro della Salute che però, come precisato il dicastero, ”non ha ancora ricevuto alcuna relazione in merito alle valutazioni del comitato scientifico incaricato di esprimersi sull’avvio della sperimentazione del metodo Stamina dalla direzione generale competente per materia”.

Repentina è arrivata anche il commento del Dott. Vannoni che ha così dichiarato all’Ansa: “Me lo aspettavo d’altronde è evidente che il comitato non fosse imparziale visto che il 70% dei suoi membri si era espresso contro il metodo Stamina prima ancora di essere nominato all’interno del comitato. Se così stanno le cose – ha quindi annunciato – Stamina farà ricorso al Tar in merito alla nomina di precise personalità, non imparziali, all’interno del comitato’‘.

Deluso e amareggiato anche Guido De Barros il papà della piccola Sofia, la bimba malata di Leucodistrofia Metacromatica e diventata uno dei simboli del metodo ‘Stamina’, che ha dichiarato: “E’ una decisione che ci lascia basiti. Colpisce la velocità con cui hanno voluto chiudere. La sensazione è che invece di risolvere un problema, abbiano voluto chiudere il problema“.

(Foto by InfoPhoto)