La meningite è una malattia infiammatoria che colpisce le membrane che rivestono il cervello. La patologia può essere causata dal contagio con virus o batteri. Se nel primo caso si assiste ad un decorso benigno della malattia, la meningite batterica è invece molto pericolosa, tanto da provocare seri danni neurologici, se non addirittura la morte del paziente.

Tra gli agenti batterici che causano la meningite, il più temuto è il meningococco (Neisseria meningitidis), di cui esistono diversi tipi o sierogruppi: A, B, C, Y, W135 e X. Tra questi il più aggressivo è il meningococco C, che insieme al B è anche il più frequente in Italia ed Europa. In Asia e Africa il più diffuso è invece il tipo A, mentre negli Stati Uniti si trovano anche i meningococchi W135 e Y.

Il vaccino rappresenta l’unica arma di prevenzione efficace per evitare la meningite. In Italia sono attualmente disponibili 3 principali tipi di vaccino anti-meningococco:

VACCINO TETRAVALENTE A,C,W135,Y (Mcv4). Si tratta di un vaccino quadrivalente ed è prevalentemente raccomandato per i viaggiatori che si recano in Paesi ove sono presenti tali sierotipi di meningococco, specialmente per quanto riguarda i paesi africani inclusi nella “cintura meningococcica”.

VACCINO CONTRO IL MENINGOCOCCO C (MenC). E’ il più frequentemente utilizzato e protegge solo dal sierotipo C. Disponibile da parecchi anni, è oggi inserito tra le vaccinazioni raccomandate dal Piano nazionale per la prevenzione vaccinale ed è  gratuito in tutta Italia. Dal 2012, il MenC è somministrato a tutti i bambini di età compresa tra 13 e 15 mesi, in concomitanza con il vaccino MPR (Morbillo, Parotite, Rosolia) e agli adolescenti non precedentemente immunizzati.

VACCINO CONTRO IL MENINGOCOCCO B (MenB). Autorizzato nel 2013, è l’ultimo vaccino antimeningococco ad essere stato introdotto. Escluso dal piano vaccinale 2012-2014, è invece presente nel nuovo Piano nazionale vaccini 2016-2018. Al momento il MenB è a pagamento in alcune regioni, mentre in altre è offerto gratuitamente. Il vaccino offre protezione contro il 90 % circa dei ceppi di meningococco B (responsabile delle meningiti fulminanti) ed è indicato per i bambini sotto l’anno di vita.

Con l’introduzione del nuovo vaccino contro il meningococco B, oggi è possibile combattere tutti i ceppi di meningite meningococcica potenzialmente letali. Per quanto riguarda gli altri agenti batterici che causano meningite, la vaccinazione contro l’Haemophilus Influenzae B viene effettuata gratuitamente ai bambini insieme ad antitetanica, antipertosse e antiepatite B al 3°, 5° e 11° mese di vita, mentre il vaccino contro lo Streptococcus pneumoniae è offerto gratuitamente.

Il vaccino anti-meningococco non è raccomandato per gli adulti, salvo nel caso di pazienti affetti da particolari patologie ritenute a rischio. Chi volesse comunque vaccinarsi contro la meningite, può rivolgersi alla propria Asl. Il siero non è gratuito per gli adulti, fatta eccezione per i residenti nella regione Toscana.