Il mandarino è il frutto dell’omonimo arbusto (nome scientifico Citrus reticolata), appartenente alla famiglia delle Rutaceae e originario della Cina. A seconda delle varietà, la pianta raggiunge i 2-4 metri d’altezza; presenta foglie piccole, di colore verde scuro e fiori molto profumati, come per la maggior parte degli agrumi. La pianta sviluppa frutti sferoidi, leggermente appiattiti al polo superiore, con buccia di color arancio (verde se acerbo), liscia o rugosa a seconda della varietà, dal profumo agrodolce. La polpa, di colore arancio chiaro e differenziabile in spicchi, è molto succosa e dolce al gusto. Dal mandarino nascono poi alcuni agrumi ibridi, come il Mandarancio, le Clementine e il Mapo.

Da un punto di vista nutrizionale, i mandarini hanno proprietà simili alle arance, anche se presentano un  minor contenuto di vitamina C, mentre sono più ricchi di carotenoidi, bromo e zuccheri. 100 g di mandarino apportano circa 53 calorie (90% carboidrati, 5,1% proteine, 4,9% grassi). Tipico del frutto è comunque l’elevato apporto di vitamina C (26,7 mg/100 g) che lo rende particolarmente utile nella difesa dai radicali liberi, nell’assorbimento del ferro e nel mantenimento del collagene e quindi dei tessuti molli quali pelle, muscoli e tendini. La principale componente del mandarino è ovviamente l’acqua (85,17 g/100 g) la cui concentrazione rende i frutti particolarmente succosi; considerevole poi è l’apporto di fibre (1,8 g/100 g), che unitamente all’elevato contenuto idrico favorisce il senso di sazietà. Tuttavia, a differenza di altri agrumi, i mandarini presentano anche una considerevole concentrazione di zuccheri (10,58 g /100 g), che rendono l’alimento piuttosto calorico e poco adatto in caso di diabete e sovrappeso.

Nel complesso, 100g di mandarino contengono:

  • Acqua                 85,17 g
  • Proteine             0,81 g
  • Grassi                 0,31 g
  • Ceneri                 0,38 g
  • Carboidrati        13,34 g
  • Fibre                    1,8 g
  • Zuccheri             10,58 g
  • Calcio                  37 mg
  • Ferro                    0,15 mg
  • Magnesio           12 mg
  • Fosforo               20 mg
  • Potassio              166 mg
  • Sodio                   2 mg
  • Zinco                   0,07 mg
  • Rame                   0,042 mg
  • Manganese       0,039 mg
  • Vitamina C (acido ascorbico)       26,7 mg
  • Tiamina (vitamina B1)                   0,058 mg
  • Riboflavina (vitamina B2)             0,036 mg
  • Niacina (vitamina B3 o PP)          0,376 mg
  • Acido Pantotenico (vitamina B5)0,216 mg
  • Piridossina (vitamina B6)             0,078 mg
  • Vitamina E                                         0,2 mg
  • Colina                                                  10,2 mg
  • Aminoacidi

Dalla buccia del mandarino, grazie ai metodi di spremitura a freddo, si ottiene inoltre un prezioso olio essenziale, che grazie alle sue molteplici proprietà trova largo impiego in aromaterapia. Utilizzato spesso in gravidanza e per i bambini, agisce sulla sfera psichica ed emotiva apportando serenità e buon umore. Grazie alla sua azione sedativa è d’aiuto contro l’insonnia, mentre sul piano fisico contrasta l’obesità e la ritenzione idrica.