Secondo molti pediatri italiani, le mamme vegane sarebbero in grado di mettere a rischio la salute dei propri figli. A quanto pare avere un’alimentazione di tipo vegano farebbe sì che nel latte materno vi sia carenza soprattutto di vitamina B12 e che questa carenza si ripercuota poi sui neonati.

Che conseguenze potrebbe avere la carenza della vitamina B12 nel latte materno e dunque nei neonati? Piuttosto serie, a quanto pare: quando questa viene a mancare si compromette la formazione dei neuroni, si danneggia il sistema nervoso, si presentano disturbi di tipo psicomotorio e può presentarsi il rischio di veder comparire l’anemia, con tutto ciò che questo comporta.

L’allarme dei pediatri è stato lanciato proprio adesso perché pare che il numero dei bambini ricoverati a causa delle conseguenze per la carenza di vitamina B12 sarebbe fortemente aumentato negli ultimi tempi. E a quanto pare la causa sarebbe proprio da rintracciare nelle mamme vegane che non consumano determinati cibi che la contengono. Indangando sul perché si verificassero tutti questi casi, i medici avrebbero appunto scoperto che molto probabilmente era “colpa” delle mamme vegane e dei loro regime alimentare.

Il fatto di aver rintracciato la presunta causa di tanti malesseri di cui spesso i medici non si spiegavano le cause rende più fiduciosi gli esperti. Anche se rintracciare la causa – in questo caso le mamme vegane – non sempre assicura di risolvere il problema. Spesso, infatti, è capitato che si dovesse arrivare fino in tribunale, soprattutto quando i genitori non volevano saperne di cambiare regime alimentare al figlio e nei casi più estremi alcuni sono finiti addirittura indagati per maltrattamento di minori.