Stando ai risultati di una ricerca inglese, le mamme ideali sarebbero quelle che mettono al mondo i propri figli quando si trovato nella terza decade della propria vita, ossia a trent’anni. Queste mamme ideali avrebbero quindi maggiori possibilità di dar vita a bimbi più intelligenti rispetto alle donne che invece scelgono la maternità a venti o a quarant’anni. I bambini nati da soggetti trentenni, sempre secondo i test effettuati, avrebbero invece dimostrato di possedere delle performance cognitive assai maggiori.

I ricercatori della London School of Economics sono giunti a questo esito analizzando i dati provenienti dal Millennium Cohort Study, un progetto che ha seguito le diverse fasi di sviluppo di circa diciottomila bambini inglesi, andando ad analizzare, in particolare, il tipo di impatto che aveva avuto su di loro l‘età materna. Tutti i bambini sono stati seguiti per cinque anni.

Fra gli altri dati raccolti dai ricercatori, in merito alle mamme ideali, emergono quelli che riguardano le mamme quarantenni. Queste sarebbero meno propense a giocare con i propri figli piccoli ma in compenso leggerebbero loro più libri, allatterebbero più volentieri e fumerebbero meno. unica nota negativa è che avrebbero maggiori possibilità di avere figli obesi.

Tenendo conto di tutti i pro e i contro, gli studiosi della London School of Economics sono quindi giunti alla conclusione che l’età migliore per procreare sia appunto quella compresa nella terza decade. Le donne trentenni avrebbero maggiori possibilità di essere istruite, di possedere un reddito superiore e di vivere una relazione stabile col proprio compagno.