Un italiano su tre che soffre di asma non sa di essere affetto da questa patologia e ben il 75 per cento delle persone con broncopneumopatia cronica ostruttiva non avrebbe neppure mai ricevuto una diagnosi. Le malattie respiratorie colpiscono in tutto sette milioni di soggetti in Italia: le più comuni, oltre all’asma, sono la bronchite cronica e l’enfisema.

Il fatto che un gran numero di persone non sappiano di essere affette da malattie respiratorie provoca almeno 36 mila vittime ogni anno in Italia. Si tratta di vittime che potrebbero essere evitate se solo si diagnosticassero in tempo e si curassero queste patologie. Proprio per tale motivo, sabato 12 dicembre 2015 il Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani ha organizzato il Medico Amico Day: si tratta di un’iniziativa che si svolgerà all’interno degli ipermercati di dieci città italiane (Bari, Bologna, Cagliari, Firenze, Napoli, Palermo, Pavia, Torino, Trento, Treviso) e che permetterà a tutti di eseguire test che misurano la qualità del proprio respiro. Oltre a ciò, i medici presenti saranno a disposizione di chiunque abbia bisogno di visite gratuite, consulti e test diagnostici.

Tra le malattie respiratorie più diffuse vi è senza dubbio l’asma: essa riguarda almeno il 12 per cento dei soggetti che hanno superato i 65 anni di età ma colpisce anche tra il 20 e il 40 per cento degli adulti che fumano. Sia l’asma sia la broncopneumopatia cronica ostruttiva possono essere prevenute e curate in modo del tutto efficace se diagnosticate tempestivamente. Farlo significa scongiurare la conseguenza che queste patologie si trasformino in un evento invalidante per il soggetto. Le terapie finora a disposizione si sono rivelate risolutive e possono aiutare a prevenire conseguenze ben peggiori se messe in pratica.