Proseguiamo con l’elenco degli esami e dei controlli necessari per avere un quadro completo della propria situazione cardio-vascolare.

LIPOPROTEINA

La lipoproteina, Lp(a), ha un ruolo rilevante nella comparsa e diffusione dell’aterosclerosi. Numerosi studi hanno dimostrato come livelli elevati di Lp(a) nel sangue siano causa di patologie cardio-vascolari e cerebrovascolari. La ricerca di Lp(a) permette di fare diagnosi di aterosclerosi precoce. Alti livelli di Lp(a) aumentano il rischio di una persona di sviluppare una malattia coronaria e una malattia vascolare cerebrale e può verificarsi anche in persone con un normale profilo lipidico. Gli alimenti contenenti dosi interessanti di vitamina B3 (niacina) e vitamina C possono contribuire ad abbassare valori elevati di Lp(a). Occorre mangiare tre porzioni di frutta e almeno due porzioni di verdura cruda al giorno.

INSULINA

L’insulina è un ormone secreto dal pancreas sotto lo stimolo della dose giornaliera di carboidrati. Un eccesso di alimenti contenenti carboidrati  (pasta, pane, patate, dolci, miele, zucchero…), ma anche il cosiddetto “fegato grasso”, causano un aumento della glicemia con bruschi rialzi della insulina nel sangue con conseguente comparsa di insulino resistenza. Questa condizione porta allo stress ossidativo con formazione di radicali liberi dell’ossigeno, molecole aggressive contro le pareti delle arterie. Lo stress ossidativo delle cellule endoteliali causa, a sua, volta, infiammazione e degenerazione delle arterie con aterosclerosi. Il controllo della dose giornaliera di carboidrati, una sana attività motoria giornaliera, una alimentazione in prevalenza vegetariana tiene sotto controllo la glicemia e il livello di insulina.