Sempre più persone soffrono di mal di testa, soprattutto se si tratta di soggetti femminili, e sempre più spesso le cause del mal di testa sono strettamente legate sia all’alimentazione sia alla postura, in entrambi i casi perché vengono effettuate scelte sbagliate. Nutrirsi in modo poco sano ed equilibrato fa sì che si aumenti di peso mentre non adottare posture corrette oppure trascorrere molto tempo fermi (e quindi essendo sedentari) fa sì che le ossa e la muscolatura ne risentano molto. E tutto questo, spesso, provoca mal di testa, accentuandone anche l’intensità.

Il numero di casi di mal di testa costanti è spesso anche accentuato dalla scorretta postura del collo. Si tratta di un problema tutto nuovo, dovuto alla massiccia presenza di smartphone e pc su cui si passa molto tempo. Il collo si curva per diverso tempo nell’arco della giornata per guadare sul display e questo, a lungo andare, provoca dolori alle ossa e mal di testa. Una situazione che può diventare anche invalidante se non si interviene per prevenire o per curare, correggendo la postura ad esempio.

Se n’è parlato anche a Perugia in questi giorni, dove c’è il Centro Cefalee dell’Azienda Ospedaliera di Perugia presso cui, ogni anno, oltre duemila pazienti vi si recano per curare il mal di testa cronico, malattia alquanto invalidante. Qui, da circa due anni, si starebbe lavorando alla creazione di una nuova terapia. Si tratta di una terapia a base dell’anticorpo monoclonale, che viene impiegato per curare gli attacchi di mal di testa e la cui somministrazione viene effettuata ogni tre settimane. Grazie a questo anticorpo si dovrebbe provocare il blocco del neurotrasmettitore GRP, considerato responsabile degli attacchi di mal di testa.