Se è vero che la stitichezza è molto comune durante la gestazione, è altrettanto vero che mal di pancia e diarrea in gravidanza non costituiscono un fenomeno così raro, soprattutto nel primo trimestre. Non tutte le donne ne soffrono e, fortunatamente, si tratta di un disturbo per lo più passeggero, legato soprattutto all’inizio della gestazione o a sporadici episodi di cattiva digestione o congestione intestinale. Tra i principali responsabili di mal di pancia e diarrea in gravidanza vi sono i cambiamenti ormonali che interessano la donna fin dalle prime settimane di gestazione e che si ripercuotono sulla flora batterica intestinale. A ciò si sommano i cambiamenti nelle abitudini alimentari, dal momento che verrà consigliata una dieta ricca di frutta e verdura, fibre, cibi integrali e moltissima acqua. Non dimentichiamo poi che mal di pancia e diarrea possono essere una diretta conseguenza di ansie e preoccupazioni, sommando quindi alle cause fisiche anche quelle di natura psicologica. Se il fenomeno riguarda infine il secondo e terzo trimestre, probabilmente sarà invece da imputarsi alla pressione esercitata dall’utero sul tratto gastro-intestinale.

Si tratta quindi di un fenomeno del tutto naturale, che non deve destare particolare apprensione, salvo nel caso in cui i sintomi si presentino in maniera improvvisa e violenta. In questo caso potrebbe trattarsi di virus intestinali o infezioni batteriche, che richiederanno uno specifico trattamento farmacologico, così da evitare di andare incontro a disidratazione e complicazioni varie. Se mal di pancia e diarrea in gravidanza si presentano dunque particolarmente forti e si protraggono per due o tre giorni, non esitate a contattare il medico.

Nel caso di episodi sporadici e di lieve entità, seppur fastidiosi, è invece possibile arginare i sintomi con alcuni semplici rimedi naturali, tra cui giocano certamente un ruolo chiave i probiotici, ideali per rafforzarne l’attività della flora batterica intestinale. Per combattere mal di pancia e diarrea in gravidanza esistono poi numerosi integratori alimentari, come quelli a base di estratto di buccia di mela, di Psyllium e melissa. Naturalmente anche l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale: banane, riso e mele aiutano a bloccare le scariche diarroiche rendendo le feci più solide e voluminose. Evitate invece cibi ricchi di grassi e zuccheri, come bevande gassate, burro, frutta secca, caramelle, e, più in generale, i cibi confezionati. Da evitare è anche tutto ciò che può irritare il tratto digestivo, tra cui cibi piccanti, fritture, caffeina e prodotti caseari. Ricordate infine che è importante evitare la disidratazione e recuperare i sali minerali persi, quindi assumete molta acqua, magari con l’aggiunta di un po’ di succo di limone e un pizzico di sale.