La legge 104 del 1992 (Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate) prevede una serie di agevolazioni fiscali per le persone colpite da disabilità e per le loro famiglie. Si va da maggiori detrazioni Irpef per spese sanitarie a detrazioni ancor maggiori per l’acquisto di automobili adattate alle esigenze di un diversamente abile e nell’ambito delle tasse automobilistiche ad alcuni tipi di esenzioni.

Vediamo nel dettaglio quali sono queste agevolazione:

- maggiori detrazione per i figli di età inferiori a tre anni e portatori di handicap

- le spese mediche generiche sono totalmente deducibili. Le spese per prestazioni specialistiche danno diritto a detrazione Irpef del 19% qualora la spesa superi 129,11 euro. La detrazione è estesa anche ai familiari qualora il disabile sia fisicamente a carico. Sono soggette alla detrazione del 19% anche le spese che riguardano l’accompagnamento o la deambulazione

- detrazione del 19% delle spese sostenute per gli addetti all’assistenza (in caso di soggetti non autosufficienti) qualora la spesa non sia superiore a 2.100 euro e il reddito del contribuente non ecceda i 40 mila euro

- detrazione d’imposta del 19% per l’acquisto di mezzi di locomozione per disabili (la spesa per l’acquisto non deve però eccedere i 18.075,99 euro). La detrazione si estende alla riparazione del mezzo (ma non alla manutenzione ordinaria)

- applicazione di un’aliquota Iva al 4% sull’acquisto di autovetture che hanno cilindrata fino a 2000 cm cubici se il motore è a benzina oppure fino a 2800 cm cubici se è diesel

- esenzione del bollo auto, estesa anche all’automobile intestata al familiare cui il disabile sia fisicamente a carico

- esenzione delle imposte previste per il passaggio di proprietà dei veicoli destinati al trasporto o alla guida di persone diversamente abili che appartengono alle categorie protette

Oltre alle agevolazioni fiscali sono poi previsti permessi di lavoro per il disabile e il familiare che se ne occupa al fine di potersi recare nelle strutture ospedaliere in cui si riceve assistenza sanitaria.

photo credit: Pink Sherbet Photography via photopin cc