Scopo principale delle diete disintossicanti non è quello di dimagrire, anche se comunque può essere un effetto secondario di queste diete, ma quello di liberare il nostro organismo da tossine ossia da tutte le sostanze nocive per il nostro corpo, che derivano dagli alimenti o che si producono nei processi digestivi.

PERCHE’ ABBIAMO BISOGNO DELLE DIETE DISINTOSSICANTI?
La salute del nostro organismo dipende fortemente dal rapporto tra la quantità di tossine introdotte e la quantità che riusciamo ad eliminare attraverso polmoni, reni, fegato, intestino.
Tutto funziona bene fino a quando la quantità introdotta è pari a quella espulsa, tuttavia quando le tossine introdotte diventano maggiori di quelle espulse (a causa di un’alimentazione scorretta o eccessiva, oppure perché gli organi che devono espellerle non funzionano adeguatamente) queste si depositano nei tessuti, intossicando l’organismo e creando il terreno adatto all’instaurarsi di diverse patologie.

QUANDO E PER QUANTO FARE UNA DIETA DISINTOSSICANTE
Le diete disintossicanti possono essere fatte in qualsiasi periodo dell’anno è importante però che non vengano seguite per più di tre giorni per non causare dei deficit all’organismo.  Vi sono però dei momenti in cui le diete disintossicanti sono particolarmente consigliate:

  • All’inizio di una dieta dimagrante
  • Ai cambi di stagione (primavera e/o autunno)
  • Dopo i periodi di feste, ferie o di  eccessi alimentari

Se l’apporto di acqua è fondamentale per il nostro organismo durante tutto l’anno durante una dieta disintossicante diviene ancora più importante.  L’acqua rappresenta il solvente in cui avvengono tutte le reazioni chimiche dell’organismo. Iniziate la giornata con un bicchiere di acqua a temperatura ambiente e una perla di olio di germe di grano, di certo darà la giusta spinta al vostro metabolismo.

IN COSA CONSISTE UNA DIETA DISINTOSSICANTE?

La dieta disintossicante prevede la somministrazione di molti cibi naturali: frutta e verdura e prodotti della terra, salvaguardando qualità e integrità dei nutrienti anche grazie alla scelta di sistemi di cottura semplici e benefici (vapore, piastra, bollitura).
Il menù della dieta disintossicante prevede una grande alternanza di cibi e colori nel piatto: ciò, oltre ad aiutare il fisico nel dimagrimento, permetterà una salute florida, migliore resistenza allo stress, alle allergie e alle infezioni.
Inoltre la dieta disintossicante contrasta la ritenzione, idrica, l’attacco di funghi e batteri, l’asma e i danni da additivi chimici e pesticidi, prediligendo cibi biologici e privi di residui tossici.
Durante una dieta disintossicante è inoltre imporante:

  • Non bere alcolici
  • Evitare i dolci industriali, i troppi dolci in genere e i succhi di frutta (meglio consumarla integra per tenere stabile il livello di glucosio nel sangue)
  • Ridurre almeno in parte il consumo di prodotti lattiero-caseari (preferendo il latte di soia).
  • Ridurre il consumo di uova e carne rossa (vaccina, di maiale o agnello) e preferire il pesce e i legumi a patate, pomodori, peperoni, melanzane
  • Integrare cavolo, cavolfiore e altre verdure ricche di zolfo, utile per la pulizia del corpo. Ok anche a cipolle, carote, aglio, porri e rape, alternando i colori sulla tavola.
  • Utilizzare solo oli vegetali pressati a freddo, ottimi anche girasole o di lino per gli acidi grassi polinsaturi, omega 3 e omega 6.
  • Limitare le fritture.
  • Ridimensionare il numero di caffè e tè commerciali (fonti di acido urico) sostituendoli con tisane, orzo e malto.

By Sonia