Avere un gatto a pelo lungo richiede che vi spendiate del tempo ogni giorno per la sua pulizia: non solo spazzolarlo per evitare che si creino nodi e grumi di pelo, ma anche perché il gatto ne perderà sempre molto e quindi ve lo ritroverete praticamente ovunque sul pavimento, negli angoli, sui cuscini e i divani, nonché sui vestiti.

Esistono gatti dal pelo raso quasi “pelato”, come lo Sphynx, che però ha una pelle molto delicata e soffre i cambi di temperatura, e gatti che invece hanno pelo a volontà, che cresce fino a 12 centimetri e mezzo in lunghezza.

IL CLIMA

Se vivete in un ambiente caldo e umido, un gatto a pelo lungo soffrirà del clima a meno che non viviate in una casa con l’aria condizionata. Ma ad esempio un gatto come lo Sphynx non si adatterebbe per nulla ai cambiamenti di temperatura, e non potrebbe soffrire il clima invernale, specialmente se avete il riscaldamento centralizzato e non potete scegliere quando accenderlo e spegnerlo.

LE ALLERGIE

Se infine siete allergici ai gatti, non farà differenza la lunghezza del pelo; di solito gli umani sono allergici alla forfora del gatto, ovvero alla saliva che si solidifica sulla cute dell’animale quando si lecca per pulirsi il pelo.