I pidocchi rappresentano un problema fastidioso per molti, soprattutto per i bambini in età scolare. Ma ci sono dei rimedi naturali contro i pidocchi per evitare di ricorrere a preparazioni chimiche? La fitoterapia ci viene in aiuto. Innanzi tutto, è bene sapere che le uova del pidocchio schiudono dopo 7-10 giorni dalla deposizione. Le ninfe maturano in 10-14 giorni e depongono a loro volta altre uova. Per sincronizzare l’applicazione dello shampoo curativo con il ciclo di vita del parassita, sono necessari 3 trattamenti: il primo, al momento della scoperta, uccide pidocchi vivi, il secondo, una settimana dopo, uccide quelli che nascono fra il 1º e il 7º giorno, e il terzo, un’altra settimana dopo, che neutralizza quelli che nascono al 10º giorno.

Rimedi naturali contro i pidocchi: metodi fitoterapici

Alcuni metodi tradizionali per la disinfestazione dai pidocchi sono efficaci. Applicare sui capelli bagnati uno dei rimedi seguenti e passarli minuziosamente con un pettine fine. I rimedi a base di acqua possono essere lasciati in sede, quelli a base di olio vanno eliminati con il lavaggio. Poiché non distrugge le uova (lendini), il trattamento va ripetuto per 2-3 settimane, quando le uova si sono ormai schiuse e si può dire sugli insetti che ne sono appena emersi.

  •  Neem: il neem (Azadirichta indica) è un fitoterapico ottenuto da un albero dell’Asia tropicale e dotato di proprietà insettifughe, insetticide e antimalariche. Ha sapore molto amaro e i suoi principali costituenti (liminoidi) risultano tossici per i pidocchi e per altri parassiti. Si utilizza generalmente in forma di infuso, preparato con le foglie con l’olio di semi.
  • Curcuma: come trattamento contro i pidocchi, in India si unisce al neem anche la polvere o il decotto di curcuma (Curcuma longa). In uno studio indiano condotto su 814 persone con pediculosi, la combinazione risultata efficace nel 98% dei casi; il trattamento comprendeva però anche la pulitura degli indumenti e della biancheria da letto per ridurre i rischi di reinfestazione.
  • Quassia:  la tintura di quassia (Picrasma spp.) applicata sul cuoio capelluto e sui capelli e utilizzate molte parti del mondo come trattamento specifico contro la pediculosi. Gli studi clinici ne confermano l’efficacia contro i pidocchi e altri parassiti.
  • Oli essenziali: se ne possono usare combinazioni diverse, possibilmente usando come base l’olio di semi di neem; si applica preparato sui capelli, lo si lascia agire e poi lo si elimina con il lavaggio. Gli oli più indicati sono segni di anice (Pimpinella anisum), eucalipto (Eucalyptus globulus), geranio (Pelargonium spp.), chiodo di garofano (Syzygium aromaticum), rosmarino (Rosmarinum officinalis), tea tree (Malaleuca alternifolia), limone (Citrus limonum) e lavanda (Lavandula angustifolia). Si consiglia di acquistare un prodotto già pronto nel giusto dosaggio.

Prevenzione pidocchi: i consigli

Misure utili a prevenire la pediculosi del capo:

  • Invitare il bambino a non condividere pettini, copricapi e accessori per i capelli con bambini che possono essere infestati.
  • Controllare frequentemente i capelli per intervenire con tempestività in caso di pediculosi.