Via il vecchio e dentro di nuovo? Nel 2010, la Weight Watchers manda in pensione il vecchio sistema di punti ed avvia un programma totalmente nuovo, chiamato Punti Plus, alla luce delle nuove tendenze e delle nuove scoperte scientifiche. Il programma è un rifacimento completo della famosa dieta a punti nata nel 1963 e di gran moda in tutti gli anni ’80 e ’90. La nuova dieta non è un ibrido, ma un approccio completamente nuovo.

Come nasce la dieta Weight Watchers

Jean Nidetch (classe 1923, Brooklyn, New York) è la fondatrice dell’organizzazione Weight Watchers. Casalinga sovrappeso con una manifesta ossessione per i biscotti, la Nidetch aveva sperimentato le numerose diete di moda al tempo e nel 1961, a seguito di una terapia, aveva seguito una dieta prescritta da una clinica sponsorizzata dalla New York City Board of Health. Dopo aver perso 9 kg e notando che la dieta migliorava anche la sua situazione di salute generale, prese contatto con alcuni amici in sovrappeso e fondò un gruppo di sostegno che comprendeva lezioni settimanali e nel 1963 venne incorporato nell’organizzazione Weight Watchers. Nel 1978, la Weight Watchers fu venduta alla HJ Heinz Company e la Sig.ra Nidetch, che ha conservato un posto di consulente per l’organizzazione, ha istituito alcuni programmi di borse di studio presso la University of California a Los Angeles e l’Università del Nevada. Attualmente vive in Florida.

Come funziona la dieta a punti Weight Watchers

Con il vecchio sistema è possibile utilizzare i punti nel modo in cui è più gradito, ma ora sappiamo che se si usano i punti per cibi ricchi di proteine e fibre si avverte sensazione di pienezza, si tiene a bada la fame, e si perde peso in modo più sano e nutriente. Le calorie sono ancora importanti nella nuova tipologia di questa dieta, in quanto per realizzare perdita di peso è necessario creare un deficit calorico, cioè bruciare più calorie di quelle che si introducono nell’organismo. Ma c’è molto di più per avere successo in una dieta, per esempio fanno una grande differenza le fonti dalle quali queste calorie provengono. Anche quando le calorie sono le stesse, gli alimenti proteici e ricchi di fibre ottengono un minor numero di punti Plus, cosa che induce le persone a mangiarne di più per riempire i punti assegnati. Agli alimenti che hanno più grassi e carboidrati semplici sono assegnati più punti. Una nuova caratteristica: è possibile assumere quantità illimitate di frutta fresca e verdure non amidacee. La maggior parte degli adulti infatti non mangia abbastanza frutta e verdura, quindi si è adottata la strategia di consentire di assumere liberamente questi alimenti super-nutrienti che sono tra i più bassi nella quota calorie per incoraggiare un maggior consumo. Il cuore del vecchio programma Weight Watchers rimane comunque invariato, in quanto il fondamento del modello consta di una sana e progressiva perdita di peso, di esercizio fisico e di modificazione del comportamento alimentare.