Certo, il tempo delle vacanze è finito, ma se siete tra coloro che viaggiano per lavoro, il jet lag è sempre un inconveniente scomodo. Ricordo la prima volta che presi il volo Londra-Seattle, 17 ore di volo non-stop da est verso ovest: quando arrivai a destinazione dormii quasi per tre giorni filati, naturalmente svegliandomi nel mezzo della notte. Al contrario, al mio rientro (viaggiando dunque da ovest a est), finii in uno stato di iper-attività continua, e il sonno che non veniva neanche a pagarlo.

Lo sfasamento che il corpo subisce con un viaggio intercontinentale attraverso i meridiani e i fusi orari non è da sottovalutare: la prima cosa da fare è munirsi di melatonina, un integratore naturale che aiuta il corpo ad abituarsi meglio ai nuovi cicli sonno-veglia di destinazione. La melatonina viene anche chiamata “ormone dell’oscurità” perché agisce sui livelli di secrezioni nel sangue nel corso della notte. Spesso, però, la sola melatonina non basta e allora bisogna ricorrere a qualche trucchetto preparandosi prima di partire. In vista del mio prossimo trasloco a Toronto, ho cercato di informarmi meglio sui modi per farlo, e le risposte che ho avuto sono state sorprendenti.

LA CAFFEINA

Alcuni esperti suggeriscono di usare lo stimolante della caffeina per riordinare l’orologio biologico del nostro corpo. Come? Parecchi giorni prima del viaggio, cominciate a bere caffé (o bevande che contengano caffeina) nella stessa ora del giorno a cui lo berreste nel fuso orario della zona in cui vi dovete recare. In questo modo, il vostro corpo, una volta a destinazione, si abituerà più velocemente al vostro arrivo. Nel mio caso, con 6 ore di fuso orario e presumendo di bere il mio solito caffé della colazione alle 8 di mattina, dovrei bere caffé alle 2 del pomeriggio. Fattibile.

COLAZIONE A BASE DI PROTEINE

Il giorno prima del vostro volo, cominciate a mangiare colazioni ad alto contenuto proteico, lo stesso per il pranzo. A cena, invece, mangiate carboidrati. I pasti a base di proteine stimolano il corpo a produrre catecolamine, che inducono nel corpo in modo naturale uno stato di veglia.

LIBERATE I VOSTRI PIEDI

Uno degli effetti collaterali più antipatici dei voli lunghi è il gonfiore ai piedi. Può essere alleviato usando della crema a base di menta piperita. Aggiungete 2 o 3 gocce di olio essenziale di menta piperita ad una crema a base acquosa, togliete le scarpe, applicate la crema ed indossate calze di supporto durante il volo.

ABBRONZATEVI E DORMITE

Più facile forse a dirsi che non a farsi quando partite nella brutta stagione o quando vi recate in luoghi freddi, ma il suggerimento è sempre valido: il giorno in cui partite, cercate di prendere più sole possibile per incoraggiare la vostra produzione naturale di melatonina. E, infine, cercate di dormire bene la notte prima.

Buon viaggio intercontinentale a tutti!