L‘ipertensione è un disturbo che colpisce milioni di persone, molte delle quali non sono neppure consce di ciò perché spesso essa non dà disturbi immediati. L’ipertensione si verifica quando la pressione arteriosa fa registrare valori superiori a quelle considerati normali, quando si soffre di pressione alta insomma. I valori per un soggetto adulto sono considerati nella norma quando la massima è compresa tra 110/140 e la minima tra 70/90. Per prevenire e combattere l’ipertensione l’unica strada da percorrere è quella di misurare costantemente la pressione e di affidarsi ad un medico qualora si registrino livelli anomali.

Ipertensione: conseguenze

Se la pressione alta non viene individuata e curata, le conseguenze potrebbero essere davvero molto rischiose per la salute. Le complicanze più frequenti legate all’ipertensione sono infatti l’infarto, l’ictus cerebrale e l’ictus ischemico, tutte conseguenze potenzialmente letali e che sarebbe bene prevenire il più possibile. Evitarle del tutto non è ipotizzabile, abbassare di molto il rischio che si verifichino sì invece. Lo si fa grazie alla prevenzione, appunto.

Ipertensione: cause

Le cause che provocano pressione alta non sono sempre note, o meglio, non è sempre possibile sapere esattamente cosa l’ha scatenata. Tra i fattori di rischio conosciuti si annoverano senz’altro la predisposizione genetica e a familiarità, l’eccesso di peso, il troppo stress o la perdita del sonno, alimentazione scorretta (soprattutto se ricca di sale), troppa sedentarietà, l’abuso di sostanze ipertensivanti come liquirizia oppure nicotina. La pressione alta può poi essere associata ad altre patologie e in questo caso essa rappresenta un loro sintomo. Tra queste: infezioni renali, ostruzione delle arterie, patologie che colpiscono i surreni della tiroide oppure malformazioni vascolari.

Ipertensione: corretta alimentazione da seguire

Seguire un’alimentazione sana ed equilibrata può essere di grande aiuto per prevenire e combattere l’ipertensione. In fondo i consigli da seguire sono piuttosto semplici. Basta ad esempio limitare il consumo di alimenti quali cibi fritti o grassi, alcolici, bevande gassate, dolci particolarmente elaborati.

Per contro si possono consumare cibi quali carni bianche, frutta e verdura fresche, pesci magri, pane integrale, yogurt e formaggi magri. Si può fare anche un moderato consumo di carne rossa, a patto che essa sia magra. Un altro consiglio da seguire certamente è quello di limitare al minimo in consumo di sale (soprattutto di sale aggiunto) poiché esso favorisce ipertensione e ritenzione.