I cambiamenti climatici comportano anche conseguenze sul tipo di insetti alieni che possono giungere in Paesi in cui, di solito, non dovrebbero essere affatto presenti. Si tratta, in particolare, di insetti sconosciuti o di vespe aliene che provengono dalla Cina e dal Medioriente in generale e che di certo non dovrebbero essere presenti in Paesi come l’Italia. Tra l’altro, tali tipi di insetti alieni potrebbero arrecare molti problemi ai cittadini che soffrono di allergie alle punture di insetti. Queste specie sconosciute nel nostro Paese potrebbero infatti far innalzare il rischio che si venga punti e che si sviluppi sensibilità verso di loro.

Coloro che sono allergici alle punture di insetto possono certamente salvaguardarsi grazie ai vaccini ma questi ultimi coprono soltanto contro il pericolo causato da specie note. Per gli insetti alieni la questione è diversa perché il vaccino potrebbe anche non funzionare, con le conseguenze che si possono immaginare.

Da dove potrebbe arrivare il pericolo? Ad esempio dalla vespa orientalis, che è originaria della zona Sud Est dell’Europa e del Medioriente e che dalla Sicilia sta risalendo fin su per la penisola, dove, grazie proprio ai cambiamenti climatici, riesce a trovare un ambiente adatto alla sua esistenza e proliferazione. Ma tra gli insetti alieni c’è anche la vespa velutina, originaria della Cina, che attualmente è stata localizzata anche in Piemonte e in Liguria, probabilmente arrivata attraverso l’importazione di merci. Tutte situazioni, queste, che costringono i ricercatori a sviluppare vaccini alternativi per coloro che soffrono di allergie alle punture di insetti e che rischiano di imbattersi in uno shock anafilattico e rischiare anche la propria vita.