È partita la campagna antinfluenzale per la stagione 2015-2016, con l’intento di richiamare alla vaccinazione i cittadini ma in particolar modo le fasce considerate a rischio.

Tra le prime regioni che partiranno con la campagna si trova il Piemonte: a partire dalla prossima settimana, infatti, la Regione fornirà in maniera gratuita la vaccinazione antinfluenzale a tutti i soggetti considerati in condizioni di maggior rischio. Solo in Piemonte lo scorso anno l’epidemia influenzale ha colpito oltre 600mila persone nel periodo tra la metà di ottobre e la fine di aprile.

L’avvio della campagna tuttavia non è uniforme su tutto il territorio ma in genere dipende, come ricordato dal Ministero della Salute, dal momento in cui il vaccino viene reso disponibile nelle singole Asl. Anche le varie modalità organizzative variano nelle diverse strutture e per questo motivo viene consigliato di tenere monitorato il sito della ASL relativa della propria Regione.

Influenza: le fasce a rischio

Per le fasce considerate a rischio la vaccinazione viene raccomandata e offerta gratuitamente, in quanto eventuali complicanze legate all’influenza possono risultare rischiose per la loro vita: tra questi, come riportato sul sito di ASL Milano,  vi sono chi soffre di malattie croniche (come diabete, malattie immunitarie, cardiovascolari o respiratorie) e, soprattutto, i soggetti con un età pari o superiore ai 65 anni.

Questo non vuol dire che anche le fasce non considerate a rischio non debbano sottoporsi a un vaccino per precauzione: come evidenziato dal Ministero della Salute, infatti, questo è comunque “indicato per tutte le persone che desiderino evitare di contrarre il virus e si può acquistare nelle farmacie con ricetta medica“.

Per cercare di scongiurare il contagio e la diffusione dell’influenza il consiglio rimane sempre lo stesso, tramite dei piccoli gesti quotidiani come lavarsi spesso le mani, coprire naso e bocca quando si starnutisce e tossisce, evitare di toccare occhi, naso e bocca con le mani non lavate e utilizzare preferibilmente i fazzoletti monouso.