L’ influenza 2018 ha già costretto a letto milioni di italiani; ricordiamo tuttavia che si tratta di una patologia autorisolutiva, che nella maggior parte dei casi non richiede l’assunzione di antibiotici o antivirali. Per quanto fastidiosa e debilitante, bisogna infatti lasciare che l’influenza faccia il suo corso, concedendosi un po’ di riposo e ricordandosi di assumere molti liquidi.

Per tenere sotto controllo i sintomi, possiamo invece ricorrere ad alcuni medicinale di automedicazione, come ad esempio Nurofen Influenza e Raffreddore, indicato negli adulti, e a partire dai 12 anni di età, per alleviare i sintomi del raffreddore e dell’influenza, quali congestione nasale, dolori, febbre, mal di gola e mal di testa. Contenendo ibuprofene e pseudoefedrina cloridrato (principi attivi), il farmaco appartiene di fatti alla classe dei FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), funzionando come ottimo analgesico e decongestionante.

Il meccanismo d’azione del Nurofen è semplice: l’ibuprofene in esso contenuto blocca l’azione delle prostaglandine, sostanze che provocano dolore, infiammazione ed innalzamento della temperatura corporea, mentre la pseudoefedrina (appartenente alla classe dei farmaci vasocostrittori) agisce sui vasi sanguigni che si trovano all’interno del naso, alleviandone la congestione. In caso di influenza con raffreddore, questa formulazione risulta quindi più specifica rispetto al Nurofen classico, riuscendo ad agire contemporaneamente su congestione nasale, dolore e gonfiore a livello della gola e febbre.

Nurofen Influenza e Raffreddore va tuttavia inteso come trattamento di breve durata e va assunto per un massimo di 5 giorni consecutivi, per quanto riguarda la popolazione adulta, e 3 giorni consecutivi per adolescenti tra i 12 e 18 anni di età. La dose iniziale è 1/2 compresse al giorno, poi, se necessario, è possibile assumere 1/2 compresse ogni 4 ore, senza mai superare la dose massima di 6 compresse nelle 24 ore. Ricordiamo inoltre che gli effetti indesiderati legati all’assunzione di Nurofen possono essere minimizzati assumendo il farmaco a stomaco pieno e con l’uso della dose minima efficace per la durata di trattamento più breve possibile necessaria per controllare i sintomi .

Nurofen Influenza e Raffreddore risulta invece controindicato in caso di ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti; ipersensibilità ad altri farmaci appartenenti alla classe dei FANS; grave insufficienza renale, cardiaca o epatica; ulcera gastrica; gravidanza e paienti di età inferiore ai 12 anni. Come tutti i FANS, anche Nurofen deve inoltre essere assunto con cautela in caso di malattie gastrointestinali quali colite ulcerosa e morbo di Crohn; asma bronchiale o malattie allergiche, ed uso concomitante di farmaci antiipertensivi.

In caso di influenza, si raccomanda infine di evitare l’uso contemporaneo di due o più analgesici, antipiretici o antinfiammatori non-steroidei, in quanto ciò comporta un aumento del rischio di effetti indesiderati.