Secondo gli specialisti della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali, le cause principali delle infezioni in estate sarebbero soprattutto l’acqua contaminata, le punture di insetto (zanzare in particolare) e il sesso non protetto.  Si tratta di cause che spesso provocano infezioni che possono arrivare anche ad avere ripercussioni alquanto fastidiose, soprattutto se ci si trova in vacanza e si è lontani da casa.

Per quanto riguarda il sesso non protetto, ad esempio, gli specialisti spiegano che il picco di infezioni in estate sarebbe dovuto soprattutto alla percentuale più alta di rapporti occasionali che si verificano. Proprio per questo si consiglia di utilizzare sempre il preservativo, per evitare fastidiose infezioni ma anche malattie sessualmente trasmissibili.

L’acqua contaminata è invece un rischio concreto per coloro che viaggiano in Paesi esotici. Lo stesso può valere anche per il cibo, ragion per cui sarebbe bene sempre prestare attenzione e seguire le regole di buona condotta che in genere le agenzie forniscono prima di partire (oppure ci si può affidare ai siti ufficiali che si occupano di turismo all’estero). In genere le regole da seguire sono poche: per quanto riguarda l’acqua, bere solo quella in bottiglie sigillate; per il cibo occorre lavare, cuocere o sbucciare prima di consumare.

Pr quanto riguarda infine le punture di insetti, il consiglio è quello di munirsi di repellenti e di coprire il più possibile il corpo quando ci si trova in zone a rischio. Oltre alle zanzare infatti, ci si potrebbe imbattere in zecche, parassiti vari ma anche ragni e scorpioni.