Divorziare fa male, soprattutto al cuore. E aumenterebbe il rischio di infarto. E’ questo il risultato di uno studio condotto dai ricercatori della Duke University (Carolina del Nord, Stati Uniti) secondo cui il divorzio farebbe crescere le probabilità di avere un infarto, soprattutto nelle donne. Queste ultime, infatti, soffrirebbero maggiormente il trauma della separazione e avrebbero dunque un rischio aumentato del 24 per cento di avere a che fare con l’infarto, rispetto a donne che non sono divorziate. Per gli uomini che divorziano, invece, il rischio di avere un infarto è superiore del dieci per cento rispetto a chi è ancora sposato.

E se un solo divorzio aumenta inesorabilmente le probabilità di avere un infarto, divorziare due volte o anche di più sarebbe letale per almeno il 77 per cento dei casi.

Ovviamente il divorzio viene inserito all’interno delle cause che potrebbero accentuare il rischio di infarto in quanto può mettere a dura prova gli ex coniugi sul piano psicologico e di conseguenza avere ripercussioni sul cuore. Una condizione, questa, che potrebbe essere favorita da qualsiasi altra situazione che in qualche modo vada ad incidere pesantemente sullo stato psicofisico del soggetto.

Parlando del rischio accentuato nelle donne, i ricercatori chiariscono che lo stress legato alle conseguenze di un divorzio potrebbe avere sintomi molto simili a quelli che si provano quando si soffre di pressione alta oppure di diabete.