La casa potrebbe essere considerato il luogo più sicuro del mondo ma in realtà non è affatto così, sia che si tratti di incidenti domestici che possono capitare agli adulti sia che si tratti di incidenti domestici che possono capitare ai più piccoli. Proprio per aiutare a preservare la sicurezza di questi ultimi, il Ministero della Salute ha diramato un opuscolo informativo, Bambini sicuri a casa, in cui sono illustrati alcuni comportamenti idonei da porre in atto per non mettere in pericolo la vita e l’incolumità dei bimbi.

Incidenti domestici bambini: consigli per i neonati

I comportamenti da adottare sono necessari già quando il bambino è molto piccolo. Basti pensare al cambio del pannolino che solitamente avviene sul fasciatoio o su altri supporti alti: in questo caso il bambino non dovrebbe mai essere lasciato solo, per nessun motivo. Proprio per questo si suggerisce di avere tutto l’occorrente a disposizione e vicino a sé e di non allontanarsi per alcuna ragione. Attenzione anche alla temperatura dell’acqua per il bagnetto: se troppo calda potrebbe causare spiacevoli inconveniente alla pelle del bambino (per controllare la temperatura si può immergere il proprio gomito nell’acqua). La temperatura deve essere controllata anche per quanto riguarda gli alimenti e i liquidi inseriti all’interno del biberon.

Incidenti domestici bambini: i primi passi

Quando il bambino inizia a crescere e a muovere i primi passi, diventa estremamente importante cercare di rendere l’ambiente domestico il più sicuro possibile e di non lasciare mai che il piccolo possa restare da solo. Basta infatti una distrazione di pochi secondi perché possa accadere qualcosa dalle conseguenze anche assai spiacevoli. Mobili bassi e serrature vanno bloccati, niente uso del girello, attenzione alle tende (il bambino potrebbe aggrapparsi ad esse) e porre gli oggetti (grandi o piccoli che siano) in posizioni inaccessibili al bambino.

Incidenti domestici bambini: pericoli da evitare

Quando il bambino prosegue nella crescita, nuovi pericoli potrebbero essere in agguato: ad esempio, è bene stare attenti a quando è seduto sulle sedie, quando utilizza matite, quando gioca con balocchi che potrebbero essere pericolosi (qualora non a norma) magari per piccole parti che potrebbero essere ingerite. Particolare attenzione va posta anche ad alcuni alimenti che potrebbero provocare soffocamento (arachidi, pomodorini, caramelline dure oppure gommose, wurstel). Vanno evitate anche alcune piante dalle foglie velenose se ingerite: si tratta, soprattutto, di stella di Natale, ciclamino, oleandro e ficus.

Incidenti domestici bambini: mettere in sicurezza

Quando il bambino raggiunge l’età di due/tre anni, è bene usare, paraspigoli per le scale, fissare le librerie al muro, chiudere a chiave tutti i cassetti (aperti potrebbero essere utilizzati anche per arrampicarsi in alto). All’età di quattro/sei anni il bambino deve utilizzare la bici indossando il casco e deve essere sempre presente un adulto che possa vigilare su di lui.