Il massaggio sportivo ha tre effetti: prepara il muscolo rendendolo pronto all’impegno, lo rilassa dopo l’attività e ne migliora i tempi di recupero. Può infine essere praticato per un semplice rilassamento generale o locale.

A cosa serve:
• rilassa la muscolatura contratta
• migliora la circolazione
• favorisce il ricambio metabolico
• agevola il drenaggio delle tossine prodotte durante lo sforzo
• aumenta l’ossigenazione dei tessuti
• accelera i tempi di recupero
• produce effetti benefici sul sistema nervoso, favorendo un senso di rilassamento

Quando è opportuno:
• prima di un impegno muscolare gravoso
• al termine dell’impegno stesso
• in occasione di una gara
• nei giorni di scarico
• quando si sente la necessità di raggiungere un migliore stato di rilassamento

Come si pratica: a mani nude, avvalendosi di olii o creme specifiche. La mano nuda scivola infatti con difficoltà sulla pelle, scaldandosi rapidamente e provocando abrasioni o irritazioni. L’uso di appositi unguenti aumenta, quindi, la fluidità il massaggio. Se contenenti principi attivi questi ultimi associano il beneficio del massaggio a quello determinato dai loro componenti. Nella cura di traumi e malattie dell’apparato e nella profilassi vengono quindi usati olii, gel e creme con diverse funzioni: analgesica, antinfiammatoria, di riduzione dell’irritabilità dei tessuti, di accelerazione del riassorbimento, di riduzione degli ematomi, di miglioramento della microcircolazione, di nutrizione dei tessuti e di stimolazione della rigenerazione dei tessuti.