In tutta Europa è iniziato “Il gioco degli alberi”: i ricercatori dell’Unione Europea hanno cominciato a piantare miriadi di diverse specie di alberi per tutto il continente, per stabilire quali di questi possono sopravvivere meglio agli effetti dei cambiamenti climatici che affliggono il pianeta.

Nel Galles, per esempio, un’area recuperata della grandezza di cinque campi da calcio nella Crychan Forest è stata piantumata con arbusti del clima Mediterraneo, dell’Europa dell’Est, della California e di altre parti del mondo. “Il tipo di informazioni che otterremo da questo esperimento ci permetterà di conoscere chi decide in merito alle politiche ambientali e forestali del futuro sulle specie che potranno usare,” ha dichiarato alla BBC Chris Jones, della Commissione Forestale del Galles. “Questa è una delle prove più grandi che abbiamo fatto nella ricerca forestale,” ha aggiunto.

Ovviamente i risultati di questa ricerca non si vedranno nel breve periodo: potrebbero servire anni perché i dati raccolti possano essere di qualche utilità. “Il maggiore problema è la scala temporale,” ha infatti confermayto Keith Kurby, di Natural England. Le risposte si avranno solo quando gli alberi saranno cresciuti, il che potrebbe anche voler dire aspettare 50 o 100 anni.

E bisogna sperare che nel frattempo il clima non faccia precipitare troppo la situazione. Qualcuno ha già chiamato l’esperimento come “il gioco della fame” o “La sopravvivenza degli alberi”. Che questo sia necessario o no, non è dato sapere… del resto l’evoluzione e l’adattabilità della specie l’avevano già teorizzata nell’Ottocento. Può davvero uno studio così stabilire chi sarà il più adatto?