La iDiet, o Instinct Diet, è un programma commerciale di perdita di peso americano, ideato dalla dottoressa Susan Roberts e basato su osservazioni scientifiche e sul supporto individualizzato. In pratica ciascuno può disegnare il proprio piano alimentare insieme a un esperto, scegliendo di includere i propri cibi preferiti e avendo a disposizione 120 ricette studiate per esaltare il gusto e l’appetibilità dei cibi a basso contenuto calorico (vedi qui alcune ricette).

La dieta prevede incontri di rieducazione alimentare, il costante appoggio di un nutrizionista via e-mail e la possibilità d partecipare al forum dei partecipanti. E, soprattutto, sarebbe la dieta che, stando alle misurazioni fatte attraverso risonanza magnetica cerebrale, sembra essere in grado di rieducare il nostro comportamento alimentare riaccendendo il piacere per i cibi sani (vedi ricerca).

All’interno del programma, le variazioni del comportamento alimentare indotte dagli incontri con gli esperti sono supportate dall’adozione di porzioni controllate e ricette dietetiche, nel contesto di menu ad alto valore saziante.

Il piano alimentare si compone di carboidrati a basso indice glicemico, abbondanza di fibre e di proteine, che rallentano la digestione riducendo le fluttuazioni del glucosio nel sangue, per una riduzione dell’appetito.
In particolare la iDiet prescrive un 25 per cento dell’apporto calorico da proteine, 50 per cento da carboidrati a basso indice glicemico e 25 per cento da grassi. E ben 40 g al giorno di fibre alimentari.

A questo si aggiungono i cosiddetti “free foods” una specifica lista di alimenti che possono essere consumati senza limitazioni per combattere gli attacchi di fame e favorire il senso di sazietà durante i pasti.
L’apporto proteico quindi si attesta sui valori massimi raccomandati, mentre l’apporto di fibre è superiore alle raccomandazioni ma paragonabile alle indicazioni terapeutiche per la riduzione dei rischi cardiovascolari. Il tutto in un piano ipocalorico che prevede il taglio di 500-1000 calorie al giorno.

photo credit: Mysha Islam via photopin