Samsung Electronics sta lavorando ad uno speciale caschetto che permetterà di segnalare con netto anticipo l’arrivo di un ictus. Il dispositivo sarà collegabile ad uno smartphone e successivamente sarà in grado di monitorare le onde cerebrali, allarmando in caso di anomalie. Nonostante i neurologi abbiamo mostrato molte perplessità in merito a questo metodo per prevenire gli ictus, la Samsung e il team guidato da Sehoon Lim stanno lavorando affinché il progetto diventi concreto e funzionante.

Il prototipo del caschetto Samsung progettato per prevenire gli ictus è stato chiamato EDSAP – che sta per Early Detection Sensor & Algorithm Package – nella pratica dovrebbe funzionare nel seguente modo: l’oggetto registrerebbe gli impulsi elettrici proveniente dall’attività cerebrale per poi trasformarli in algoritmi (così come suggerito dal suo nome). Questi ultimi permetterebbero poi allo smartphone cui è collegato il caschetto di osservare le onde cerebrali e di segnalarne eventuali anomalie. Oltre allo smartphone, il caschetto potrà essere collegato anche ad un tablet oppure ad un computer.

Secondo il team che sta lavorando al progetto, il caschetto dovrebbe essere in grado di rilevare anomalie e di segnalarle tempestivamente: l’algoritmo individuerebbe infatti la probabilità di un ictus in soli sessanta secondi. Il team tiene anche a specificare che il caschetto non è un normale gadget medico e che si configura, piuttosto, come uno strumento di alta tecnologia.

La stessa tecnologia utilizzata per prevenire gli ictus sarà in seguito utilizzata anche per la prevenzione degli infarti e oltre che il cervello andrà così a monitorare anche il cuore.

samsung electronics

caschetto Samsung per la prevenzione dell’ictus

Foto: SamsungTomorrow