Un nuovo polo universitario della medicina sorge nella città meneghina: la Humanitas University. Voluta dall’Irccs di Rozzano e dedicato alle scienze mediche, il nuovo ateneo offrirà due corsi di Laurea: il corso di Laurea magistrale a ciclo unico internazionale in Medicina e Chirurgia, in lingua inglese, e il corso di Laurea triennale in Infermieristica, in italiano, e in totale accoglierà più di 800 studenti. Secondo una nota della stessa Università, “A ciò si aggiungerà nel tempo una più ampia offerta di corsi di laurea, post-laurea, dottorati, scuole di specializzazione e altre opportunità di aggiornamento”.

Tra i punti di forza presenti nella proposta formativa dell’ateneo c’è una Faculty Internazionale che prevede soggiorni all’estero durante il periodo di studi, ma anche una integrazione con l’attività clinica molto diretta con metodi didattici alternativi.

Secondo Gianfelice Rocca, Presidente di Humanitas “Humanitas University intende attrarre i migliori talenti da tutto il mondo offrendo loro un’opportunità di formazione distintiva per crescere e studiare, al fianco di docenti e professionisti di grande esperienza, in un contesto ed in una dimensione internazionale non solo nella componente linguistica, ma anche nelle metodologie di studio e di esame”.

Il nuovo ateneo, che ha già ottenuto il via libera dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 41, punta soprattutto su una formazione a livello internazionale: “Obiettivo di Humanitas University è realizzare un modello formativo che sappia misurarsi in modo autorevole e competitivo nel panorama della formazione medica internazionale: reclutare i migliori cervelli, portarli a studiare a Milano e in Lombardia – una Regione all’avanguardia, che già rappresenta un modello di eccellenza nel campo della Sanità e dei servizi – permetterà di contribuire ad accrescere l’attrattività del sistema universitario e sanitario italiano, facendo crescere l’intero Paese” continua il Presidente dell’ateneo, “La nascita del nuovo Ateneo rafforza l’impegno nella ricerca medica, nell’assistenza e nella didattica che Humanitas svolge da 18 anni, in linea con quanto accade nei più importanti policlinici al mondo, dove governance clinica, di ricerca e formazione di fatto coincidono”.