Secondo i dati annunciati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, la gonorrea starebbe diventando sempre più resistente agli antibiotici, tanto che oggi sarebbe davvero molto difficile da trattare e curare. Secondo quando rilevato dall’Oms, nel corso degli anni il batterio che provoca tale patologia sarebbe stato in grado di evolvere e gradualmente di diventare resistente agli antibiotici che sono stati prodotti per combatterlo.

Proprio a tal proposito i ricercatori starebbero già lavorando ad un nuovo antibiotico in grado di combattere la gonorrea e di curarla. Ricordiamo che tale patologia si diffonde attraverso contagio sessuale, con un contatto diretto tra soggetto tra infetto o attraverso le secrezioni di quest’ultimo. In molti casi la gonorrea non mostra sintomi mentre in altri, in soggetti femminili, provoca infiammazioni e perdite vaginali ma anche altre tipologie di sintomi quali nausea e febbre. Sempre per quanto riguarda le donne, contrarre la gonorrea significa veder accrescere le possibilità di non essere fertili e rischi maggiori di contrarre il virus dell’Hiv.

Per quanto riguarda i soggetti maschili, le conseguenze più rischiose della gonorrea sono soprattutto infiammazioni al pene e difficoltà ad urinare. Ogni anno, secondo stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, sarebbero almeno settantotto milioni di persone a contrarre il batterio e la malattia.