Si chiama gomasio, arriva dal Giappone, ed è un’invenzione buonissima e comodissima. Si tratta di un condimento a base di semi di sesamo e sale, più eventualmente erbe e alghe, che si conserva in barattoli di vetro, anche molto a lungo, e che si trova già pronto nei negozi (potete provare in quelli bio, nei negozi vegan o macrobiotici), o potete anche facilmente prepararlo voi a casa.

PERCHE’ IL GOMASIO?

Se vi state chiedendo perché il gomasio – così semplice – sia un condimento tanto straordinario, la risposta è molteplice: innanzitutto insaporisce con un sapore delicato ma sfizioso: i semi di sesamo sono leggermente tostati, e conferiscono una consistenza più solida al piatto, senza snaturarne il sapore. Poi, usando il gomasio, non si abusa di sale, visto che la proporzione nelle quantità è solitamente di 1 parte di sale per 7 parti di sesamo, proporzione che può essere anche ridotta. In più è un condimento molto versatile, che potete arricchire con erbe o spezie a vostro piacimento, oppure con le alghe.

Basterà un cucchiaio di gomasio sul piatto più semplice e insipido per trasformarlo in qualcosa di delizioso, senza aggiungere calorie. Un esempio: se siete a dieta e non riuscite a sopportare il sapore della pasta integrale, potete provare con un esperimento semplice semplice. Cucinate la pasta integrale salando poco l’acqua, quando è pronta scolatela, mettetela nel piatto e condite con un filo d’olio di sesamo e gomasio… il risultato? Quello che vedete qui sopra. (Qui ho utilizzato del gomasio con il 20% di alghe).

COME SI PREPARA IL GOMASIO?

Ingredienti:

  • Semi di sesamo biologici
  • Sale marino integrale

Occorrente:

  • Mortaio in ceramica o pietra
  • Pestello in legno

Proporzioni:

Solitamente, per 100 g di gomasio, viene consigliata una proporzione di 7 cucchiai di sesamo per 1 cucchiaio di sale. Il rapporto tra i due ingredienti però può variare da 6 parti di sesamo e 1 di sale fino a 20 parti di sesamo e 1 di sale. Dipende dal vostro gusto e da quanto delicato o forte preferite il sapore. A me piace un sapore delicato, che risalti quello del sesamo. L’unico modo per saperlo è provare.

Preparazione

Sciacquate i semi di sesamo in acqua fredda, scolate e lasciateli asciugare bene. In una ciotola mescolate i semi con il sale, intanto preparate una teglia da forno con carta da forno. Cospargete il composto sulla carta da forno in maniera uniforme.

Infornate a 100 gradi per 15 minuti: attenzione a non farlo fumare o abbrustolire, potrebbe rilasciare il sesamolo, sostanza amara e tossica. Dopo la tostatura in forno, lasciate raffreddare.

Versate il comporto nel mortaio e iniziate a frantumare i semi: potete fermarvi una volta raggiunto una polvere non troppo fine e leggermente oleosa. Il Gomasio è pronto all’uso.

Per conservarlo, usate un barattolo di vetro, da tenere in un posto fresco.