E veniamo a tutte quelle attività e sport a rischio in uno scenario in cui l’acqua scarseggerà…

LO SCI D’ACQUA

Non c’è niente di più divertente che prendere un nugolo d’amici ed un paio di sci d’acqua in un pomeriggio d’estate, ed andare tutti insieme al lago o al mare. Sempre che ce ne sia ancora uno…

Man mano che la domanda d’acqua da parte delle persone aumenta, e più il livello dei laghi e degli specchi d’acqua naturali diminuisce… e se non c’è acqua… addio divertimento.

LE PISCINE

Pensate a quelle case che sorgono sulle rive di laghetti o fiumi, oppure a quelle ch sfruttano dei piccoli corsi d’acqua o delle fonti da cui attingere per una piscina più o meno naturale in casa o in giardino… roba da ricchi?

Beh, negli Stati Uniti sono tante le persone che si possono concedere questa comodità, ma ora viene sempre più vista come una cosa per chi ricco lo è per davvero. Quel che è peggio è che anche le piscine pubbliche o comunali consumano tantissima acqua e che inevitabilmente ce ne saranno sempre meno se i consumi dei singoli non caleranno per concedersi, appunto, un piacere che va oltre la semplice necessità.

LA CANOA

Va da sé… se vi piace uno sport che vi permette di stare a contatto con la natura e mantenervi in forma, la canoa è un eccellente sport che per di più non inquina per niente. Ma serve avere dei fiumi o dei canali a disposizione, se non proprio un vero lago. In uno scenario di scarsità d’acqua, la canoa potrebbe essere usata solo per costruirci qualche strano mezzo a pedali o a ruote… Se vedete dei moli in secca, ricordatevene.

PESCA

Cosa si pesca dove non c’è acqua? I pesci del pianeta sono già estremamente a rischio a causa dell’esagerato consumo di pesce da parte degli esseri umani che se ne cibano. La scarsità d’acqua non gioca sicuramente a loro favore…