Ok… molti di noi cercano di aiutare l’ambiente in qualche modo. Stiamo attenti a riciclare, compostare, a mangiare meno carne, a fare docce meno lunghe e a usare prodotti biologici per nutrirci e per pulire la nostra casa. E poi?

Se vi state chiedendo “E poi cosa?”, forse ignorate che ci sono persone che per salvare l’ambiente e la nostra casa – il pianeta Terra – hanno compiuto veramente delle imprese eroiche. Eppure, si tratta di persone “normali”, che di speciale hanno solo una profonda coscienza ecologica ed un amore innato verso la natura.

Come Julia Butterfly Hill, che dal 10 dicembre 1997 al 18 dicembre 1999 ha vissuto su un albero a 180 piedi d’altezza (54 metri), su due piattaforme di 2×2 metri ciascuna. Il suo “abbraccio dell’albero” più lungo della storia (738 giorni in totale) aveva uno scopo ben preciso: tenere in vita Luna, una conifera di 1500 anni che cresce nella Headwater Forest nella contea di Humboldt, in California.

Più precisamente, Julia voleva salvare l’albero da una delle seghe elettriche della Pacific Lumber Company, che usava quel terreno per produrre il proprio legname. Alla fine, dopo mesi di strenua negoziazione, Julia ha vinto. Luna, ed ogni albero a lei vicino nel raggio di tre acri, è stata salvata.

Oggi Luna sta bene, ci fa sapere Julia: ogni primavera i suoi rami hanno nuovi germogli. Grazie alla sua tenacia.