Oggi, 4 Febbraio, è il giorno del 2015 in cui si celebra la lotta contro il cancro. La manifestazione organizzata a livello mondiale dalla Union for International Cancer Control, spinge sulla prevenzione adottando lo slogan “Not beyond us” (Non dietro di noi), che invita a non trascurare i campanelli d’allarme e combattere con positività.

Lanciando questa nuova campagna la UICC vuole sottolineare che la vittoria contro questo male non è irraggiungibile. Nello specifico, il programma della Giornata mondiale contro il cancro si focalizza su quattro punti cruciali: scelta di vita più sana possibile, diagnosi precoce, trattamento sanitario per tutti e una migliore qualità della vita per i pazienti.

Si punta quindi a sensibilizzare il singolo individuo, che potrebbe ridurre sensibilmente il rischio di ammalarsi adottando un appropriato stile di vita, ma si punta il dito anche sui governi, per quanto riguarda il diritto alle cure. Diritto che, in un mondo perfetto, dovrebbe essere legittimo a prescindere da geografia e disponibilità economica.

I numeri della malattia fanno purtroppo paura: si parla di 8 milioni di decessi l’anno, con una percentuale davvero troppo alta (50%) di morti premature, tra i 30 e i 60 anni. Ma la giornata mondiale contro il cancro serve anche per riflettere sui casi che si sarebbero potuti evitare, adottando delle scelte più salutari.