La semenza giusta è decisiva. Acquistare le miscele di fiori selvatici armonizzate solo presso i rivenditori specializzati. Lasciatevi consigliare, così da tenere conto del luogo e della grandezza della superficie prativa.

La semina avviene idealmente fra aprile e giugno o fra agosto e settembre.

IL PRIMO ANNO

  • Se dopo la semina crescono molte erbacce come i cardi, le gramigne o il pluriennale e tenace dente di leone, queste devono essere assolutamente rimosse. Attenzione: non strapparle, ma tagliarle regolarmente il più vicino possibile al suolo finché non ricresceranno più. Se si strappano le erbacce, la pianta si riproduce, dato che dai pezzi di radice si formano dei nuovi germogli!
  • I fiori di campo come il papavero comune o i fiordalisi veri sono i primi a crescere. Arrivati a questo punto è importante rimuovere ancora una voltale piante che crescono troppo rigogliosamente, affinché i fiori selvatici seminati possano crescere e più tardi il prato sia ricco di specie.

IL SECONDO ANNO

A questo punto inizierà a svilupparsi una comunità di piante praticole duratura. La varietà e la composizione varia da giardino a giardino e dipende dalle caratteristiche del suolo. Dopo un po’ di tempo si stabilirà un equilibrio armonico – proprio seguendo l’esempio della natura.