Se volete creare un prato di fiori selvatici nel vostro giardino, non basta lasciare il terreno incolto. Bisogna prendere alcuni accorgimenti, specialmente in fase preliminare, per rendere il terreno adatto all’inselvatichimento e affinché vi siano le condizioni adatte per il proliferare dei fiori. Ecco come preparare il terreno passo passo:

  • Rendere magro il terreno per ottenere un prato ricco di specie. Per fare questo è consigliabile mietere il prato
    di rado e portare via ogni volta tutto il materiale tagliato. Dopo 7-10 anni si potranno raccogliere i frutti del proprio lavoro!
  • Per accelerare il processo rimuovere la vegetazione com- preso lo strato superiore del suolo e lasciare il terreno grezzo a sé stesso o seminarci una miscela di semi.
  • Nei suoli ricchi di sostanze nutritive al terreno grezzo va aggiunta della sabbia. A questo proposito rivolgersi a uno specialista di giardini seminaturali (www.bioterra.ch).
  • Spianare la superficie soffice e ripulita con il rastrello. In seguito spargere la semenza. Rispettare scrupolosamente le indicazioni sulla quantità da utilizzare. Mescolare le miscele di semi con la sabbia nella proporzione di 1:1 così da poter seminare più regolarmente.
  • I semi dei fiori selvatici germogliano solo sul terreno aperto e non possono essere seminati nell’erba già esistente.
  • Rastrellare i semi molto superficialmente nella terra e premere il terreno.
  • Annaffiare leggermente la superficie lavorata. Durante le prime cinque settimane i semi non devono mai seccare.
  • Adesso ci vuole pazienza, perché le piante selvatiche richiedono tempo per crescere.
  • Rimuovere le piante perenni, le erbe che crescono rigogliosamente e le specie invasive come la verga d’oro del Canada o la buddleja.