Per individuare le caratteristiche del terreno, e sapere quindi quali piante vi possono crescere senza problemi o se bisogna effettuare qualche intervento, occorre tenere presente le principali caratteristiche del terreno:

  • Fisiche: tessitura o consistenza (che può essere sabbiosa, sciolta, argillosa o fangosa); porosità e struttura (il modo in cui si aggregano le particelle che costituiscono il terreno);
  • Chimiche: pH, capacità di scambio e salinità.

Per determinare queste caratteristiche è possibile commissionare un’analisi a un’impresa specializzata, che redigerà un rapporto tecnico attraverso il quale si potranno valutare con esattezza le possibilità di coltivazione che offre un determinato substrato o le eventuali carenze che occorrerà correggere.

Le vedremo presto.