Le gambe gonfie sono una condizione fisica caratterizzata dall’accumulo di liquidi negli arti inferiori. I liquidi possono ristagnare nei tessuti sottocutanei per differenti cause: disfunzioni renali, epatiche, cardiache e insufficienza venosa cronica. I disturbi che generalmente la patologia comporta sono: senso di pesantezza agli arti inferiori, gonfiore solitamente nella zona delle caviglie e talvolta in tutta la gamba e crampi notturni.

RIMEDI ERBORISTICI

Ruscus aculeatus è indicato se vi è anche ritenzione idrica, fragilità capillare e sovrappeso. Assumete 20 gocce di estratto fluido diluite in poca acqua 2 volte al giorno a digiuno, la mattina e la sera prima di coricarvi.

Vitis vinifera, invece, drena i liquidi in eccesso, facilitando lo sgonfiamento degli arti e alleviando efficacemente i fastidiosi sintomi. Assumete 20 gocce di estratto fluido diluite in poca acqua 2 volte al giorno, la mattina prima di colazione e nel tardo pomeriggio.

INTEGRATORI

200 mg al giorno di Vitamina C aiutano a proteggere la microcircolazione.

RIMEDI OMEOPATICI

In caso di gambe pesanti, con infiammazione e dilatazione delle vene, e se la situazione si aggrava lasciando cadere verticalmente le gambe e migliora invece sollevandole, potete prendere Vipera redi 5CH, nella dose di 3 granuli, 2 volte al giorno, fino a miglioramento della sintomatologia.

[Attenzione: le dosi e le formule consigliate sono frutto di combinazioni che possono variare a seconda della condizione soggettiva e la loro efficacia dipende dalla sensibilità personale del paziente. Prima di procedere con l'inizio di una cura, se non siete già esperti, consultatevi con un naturopata, un erborista o un omeopata di fiducia che si accerti che non vi siano controindicazioni alla cura. Se il problema persiste o se i sintomi peggiorano, rivolgetevi subito a un medico.]