Un’affermazione al quanto scontata, che però è stata confermata da uno studio dell’università di Zurigo (il fumo fa male alla pelle).

L’effetto in assoluto più dannoso è quello del il fumo: fra i fumatori il rischio di mortalità precoce supera del 57% quello dei non fumatori. Cattiva alimentazione, consumo eccessivo di alcol e mancanza di movimento fanno invece aumentare il rischio di mortalità di circa il 15%. Per chi combina tutti e quattro i fattori negativi il rischio è di 2,5 volte più alto rispetto a chi vive in modo sano (anche salute mentale a rischio per il fumo).

L’effetto di uno stile di vita sregolato si manifesta soprattutto con l’avanzare dell’età. Per una persona di 75 anni che non ha nessuna di queste cattive abitudini la probabilità di morire nel giro di 10 anni raggiunge il 67%: lo stesso tasso di una persona di 10 anni più giovane che fuma, beve troppo alcol, non fa movimento e si alimenta male (l’alcol può rendere sterili).

photo credit: † massimo ankor via photopin cc