Rendere le nostre abitazioni più verdi e purificare l’aria che respiriamo, questo l’obiettivo del progetto FreshWall, un sistema domestico di origine scandinava che coniuga l’ecodesign e un cuore super tecnologico, offrendo la possibilità di coltivare piante e ortaggi dentro casa, purificando al contempo l’aria. Si tratta in sostanza di un giardino verticale, ovvero sviluppato in altezza, come se ne vedono molti negli ultimi anni, ma attrezzato per essere quasi del tutto autosufficiente e funzionare come filtro per l’aria domestica, arrivando a rimuovere fino al 90% delle sostanze chimiche nocive presenti nelle nostre abitazioni. Derivato da un progetto della NASA, FreshWall purifica infatti l’aria in un modo equiparabile a 100 piante disposte in modo convenzionale. Ciò è possibile grazie ad una sofisticata tecnologia che assorbe l’aria convogliandola verso il substrato che ospita i vegetali, dove speciali microorganismi trattengono e distruggono composti tossici, trasformandoli in sostanze nutritive per le piante stesse. Il sistema combina inoltre sofisticate tecnologie idroponiche e aeroponiche che consentono di coltivare molti tipi di vegetali durante tutto l’anno, rispondendo in maniera autonoma al fabbisogno idrico e nutritivo di ogni pianta. Una volta collegato alla rete elettrica, FreshWall si trasforma infatti in un piccolo ecosistema praticamente autonomo: tutto ciò che bisogna fare è assicurarsi di riempire il serbatoio d’acqua circa due volte al mese! Nel caso in cui non si disponga di sufficiente luce naturale, basterà invece dotare il blocco di una lampada da muro e il gioco è fatto. Ciliegina sulla torta dell’ultimo ritrovato dell’ecodesign, il dispositivo è dotato di un sistema di controllo remoto, sul quale sarà possibile agire semplicemente grazie ad un collegamento internet!