La fibromialgia (o sindrome fibromialgica) è una patologia che provoca dolore muscoloscheletrico diffuso, associato ad uno stato di affaticamento cronico e difficoltà del sonno.

Le cause della fibromialgia sono ancora per lo più ignote, come difficile risulta giungere ad una diagnosi certa. Recenti studi hanno evidenziato alcuni importanti indicatori non riscontrabili in pazienti affetti da altre patologie dolorose, come ad esempio specifiche aree sensibili alla digitopressione (dette tender points). Non esiste tuttavia alcun esame di laboratorio o radiologico in grado di diagnosticare con certezza la fibromialgia, né esistono al momento cure specifiche per questa malattia.

Una volta giunti alla diagnosi, le opzioni terapeutiche per la fibromialgia comprendono quindi:

  • assunzione di farmaci che diminuiscono il dolore e migliorano la qualità del sonno
  • programmi di esercizi di stiramento muscolare e/o finalizzati a migliorare l’attività cardiovascolare
  • tecniche di rilassamento per ridurre la tensione muscolare
  • programmi educativi per aiutare il paziente

I farmaci anti-infiammatori possono offrire sollievo dal dolore, ma non risolvono la situazione. Ad essi si possono comunque associare farmaci che facilitano il sonno e il rilassamento muscolare (come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina o altri farmaci ad azione prevalentemente miorilassante). Nel trattamento della fibromialgia si rivela invece indispensabile l’attività fisica. Essa deve prevedere tecniche di stiramento muscolare  (stretching), allenamento dei muscoli dolenti e incremento graduale del fitness cardiovascolare (aerobico). Questo tipo di esercizio è in grado di determinare un aumentato benessere generale e la diminuzione del dolore. E’ dunque importante allenarsi regolarmente, aumentando gradualmente l’intensità di lavoro. Camminare, andare in bicicletta, nuotare o fare esercizi in acqua sono generalmente il modo migliore di iniziare un programma di allenamento finalizzato al miglioramento dei sintomi associati alla sindrome fibromialgica. Prima e dopo gli esercizi, ma anche a cadenza quotidiana, è inoltre fondamentale stirare gentilmente i muscoli dolenti ed eseguire un’adeguata mobilizzazione articolare. Per stendere un programma di allenamento giornaliero conforme alla diagnosi di fibromialgia è possibile rivolgersi ad un terapista della riabilitazione.

Esistono infine una serie di terapie alternative che sembrano essere particolarmente efficaci contro il dolore causato dalla sindrome fibromialgica. Tra queste si segnalano agopuntura, yoga, meditazione, rimedi omeopatici (melatonina,manganese-cobalto, fosforo, litio) e/o fitoterapici (arnica montana, artiglio del diavolo, fiori di Bach), riflessologia plantare e alcune tecniche di medicina olistica.