Sarà che in tempo di crisi anche il Natale assume tinte fosche, ma il Natale 2013 che ci aspetta sarà all’insegna di alberi di Natale viola, babbi natale di nero vestiti, e tante piume (dai boa al posto delle classiche strisce plasticose d’oro e argento)… e naturalmente, del risparmio energetico a tutti i costi: strisce a led, fiori a led, fibre ottiche…

FESTIVITY 2013

Come faccio a saperlo? Beh, non ho di certo la palla (di neve) di cristallo: ieri sono stata alla giornata finale di Festivity 2013, la fiera dedicata al settore delle festività  all’interno del ben più noto Macef, che si svolge al polo fieristico di Rho-Pero subito dopo la conclusione delle feste. Già, perché qui ci si porta avanti e alla fine di gennaio già si sa che cosa ci aspetta a dicembre. A dire il vero, a Festivity non si trovano solo espositori di articoli natalizi, ma ci sono stand dedicati alla Pasqua, Halloween e Carnevale, sebbene in misura molto minore. Il re indiscusso della fiera è sicuramente lui, il Natale.

RISPARMIO ENERGETICO: QUALI NOVITA’?

Sicuramente la tendenza per l’anno in corso va verso il risparmio energetico la sicurezza. Ormai quasi introvabili le luci a incandescenza sia da interno che da esterno, l’illuminazione natalizia è affidata quasi esclusivamente alla tecnologia led, che incanta e crea meravigliosi paesaggi (come questo splendido bosco illuminato che vedete nella fotografia sopra) in tutta sicurezza: il led infatti non scalda, consuma pochissimo ed è a prova di bambino e di pioggia/gelo. Se non vi piace la tonalità di luce troppo fredda o i colori così luminosi, da quest’anno cominceranno a diffondersi anche i led a colori caldi. Non eguagliano quelli delle lampadine a incandescenza, ma regalano sicuramente toni più armoniosi e delicati per gli occhi e per quegli ambienti che necessitano di luce calda e morbida.

ALBERI DI NATALE: SINTETICO O VERO?

L’ecologia dà i suoi pro e i suoi contro per entrambe le scelte. Si è spesso detto che l’albero più ecologico è quello finto, che si riusa, dura tanto, e non soffre con le luci e le decorazioni addosso. Ebbene, cercate sempre uno a marchio CE, e se avete dei bambini in casa assicuratevi che i rami e le foglie non abbiano colorazioni tossiche. La grossa novità di quest’anno è che l’albero verde non sarà più tanto trendy: ci aspettano alberi neri o bianchi, e con decorazioni viola: viola i puntali, viola le palle da appendere e le decorazioni (ne esistono anche di stroboscopische a led che creano l’effetto neve lungo le palle), viola i fiocchi e le luci per gli addobbi (ne vedete uno splendido qui a fianco). Come se non bastasse a creare l’atmosfera “vellutata”, pure babbo natale si vestirà sempre meno di rosso per adottare casacca e pantalone nero… naturalmente in vellutino.

DAGLI ANGELI AI BOA… IN UN TRIPUDIO DI PIUME

Altra novità, non si sa quanto ecologica poiché il sospetto che siano sintetiche è fondato, sono le piume. Ci aspetta un natale di piume: piume sulle ali degli angeli, piume nelle sferette di cristallo da cui cade la neve (pioveranno infatti piume), piume sui cappellini di babbo natale e piume anche sugli alberi: al posto della tradizionale striscia un po’ plasticosa di decorazioni oro e argento, ecco comparire voluttosi e morbidissimi boa di piume. Certamente non sarà una scelta per tutti: il costo non è lo stesso, anche se l’effetto è sicuramente quello di un albero meno artificiale.

Insomma, in qualsiasi salsa vi piaccia festeggiare il Natale, il consiglio è sempre e solo uno: usate la fantasia, riciclate quel che potete, utilizzate dispositivi sicuri e a norma, e ricordatevi di farlo con buon senso (oltre con con buon gusto)…