La fesa di tacchino, come tutte le carni di questo tipo, ha sì un elevato apporto di proteine ma al contempo è povera sia di glucidi sia di grassi. Questo fa sì che la fesa di tacchino sia alimento privilegiato all’interno delle diete ipocaloriche e dimagranti e che sia cibo favorito anche da chi ama tenersi in forma, mangiando con gusto ma stando anche attento alla linea. Trattandosi di carne di tacchino poi, la fesa è indicata anche per chi deve tenere sotto controllo i valori del colesterolo.

La fesa di tacchino può essere mangiata da sola oppure essere utilizzata per farcire panini, toast o piadine. Si tratta di un alimento anche economico e questo fa sì che sia piuttosto diffuso e apprezzato. Oltre che come elemento di farcitura, la fesa di tacchino può essere impiegata per arricchire tantissimi piatti e infatti vi sono centinaia di ricette in cui è previsto il suo utilizzo.

Fesa di tacchino: apporto calorico e proteico

Questo tipo di carne presenta due qualità: è povero di calorie ma al contempo è ricco di proteine. Per fare un esempio pratico, si può affermare che cento grammi di prodotto possano contenere, indicativamente, 130 calorie. Per contro, sempre prendendo come punto di riferimento cento grammi di fesa di tacchino, si può dire che le proteine in essa contenute si attestino intorno ai 25 grammi.

Fesa di tacchino: altri valori nutrizionali

Per completare il quadro informativo su questo prodotto alimentare, saranno qui di seguito elencati i principali valori nutrizionali che è possibile trovare nella fesa di tacchino. Prendendo come punto di riferimento ancora cento grammi di prodotto, si può affermare che essi contengano indicativamente:

  • 74 grammi di acqua
  • 65 grammi di grassi
  • 10 milligrammi di calcio
  • 1,20 milligrammi di ferro
  • 290 milligrammi di potassio
  • 205 milligrammi di fosforo
  • 50 milligrammi di sodio
  • 1,25 milligrammi di zinco
  • 6,25 milligrammi di vitamina B3
  • 0,70 milligrammi di vitamina B5
  • 62 milligrammi di colesterolo