Perché ci viene voglia di un panino del MacDonald anche se non abbiamo fame? 

La nostra società funziona e comunica attraverso le immagini (quello dello studio dell’immagine è un campo in continua espansione) ed è attraverso queste che si veicolano  i messaggi perché  le immagini riescono a stimolare alcune aree particolari del cervello.

La novità su questo fatto è che basterebbero i loghi di alcune delle principali catene di fast food per accendere nel cervello l’area legata all’appetito. Lo hanno scoperto i ricercatori dell’Università del Kansas, i primi risultati dello studio che è ancora in corso sono stati pubblicati sul Daily Mail, che hanno sottoposto un campione di ragazzi, con età compresa tra i 10 e 14 anni, ad una risonanza magnetica del cervello nel momento in cui venivano mostrati determinati loghi aziendali.

I risultati hanno evidenziato che un aumento dell’attività cerebrale di fronte a loghi di aziende alimentari che riguardavano proprio le zone del cervello legate all’appetito e alla ricompensa, cosa che non succedeva, ad esempio, quando venivamo mostrati loghi di aziende altrettanto famose ma di altri settori, come quello dell’abbigliamento.

Amanda Bruce, coordinatrice dello studio ha detto:

Il risultato è particolarmente preoccupante perché la maggior parte dei cibi destinati ai bambini non è salutare.