Il Ministero della Salute ha dato il via libera al regolamento che introdurrà il fascicolo sanitario elettronico, un modo molto più semplice per aver online tutta la propria documentazione medica, Ad aver annunciato la rivoluzione è stata la Ministra Beatrice Lorenzin: il fascicolo sanitario elettronico sarà in realtà composto da un microchip, in cui saranno raccolti e registrati tutti dati socio assistenziali e sanitari del singolo paziente.

La rivoluzione in materia di fascicolo sanitario elettronico è inserita all’interno del piano Sanità digitale, una serie di interventi atti a digitalizzare diversi aspetti dell’amministrazione sanitaria, in modo da rendere tutto più facile e agevole anche per il cittadino. Questo strumento, una volta collegato in rete, potrà essere letto con facilità dall’operatore sanitario, che potrà conoscere così tutta la storia clinica del paziente, in modo assai facile, veloce e pratico.

All’interno del fascicolo sanitario elettronico sarebbero inclusi dossier dei farmaci usati, verbali del pronto soccorso, referti medici, disponibilità a donare i propri organi e molti altri dati ancora. Si tratta di un metodo atto a rendere più semplice il lavoro dell’operatore sanitario ma anche ad offrire un miglior servizio al paziente. Lo stesso strumento, almeno per come è stato concepito, dovrebbe contribuire ad evitare eventuali inefficienze, a migliorare la programmazione e a favorire l’incrocio dei dati e la trasparenza.

La Ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, ha così commentato la firma del regolamento: “L’istituzione del Fascicolo Sanitario Elettronico rappresenta il presupposto necessario per poter giungere ad una sintesi delle diverse istanze esistenti e promuovere la condivisione di un modello di riferimento nazionale, che coinvolge tutti gli enti e le strutture del Servizio sanitario nazionale (sia i soggetti pubblici, sia i soggetti privati accreditati) e tutti gli assistiti del SSN“.