Il Ministero della Salute, con una circolare, ha finalmente concesso l’importazione di farmaci dall’estero. Si tratta, in particolare, di farmaci autorizzati all’estero ma non ancora autorizzati nel nostro Paese. Si potranno importare quelli che vengono prescritti dai medici curanti e ordinati per posta oppure quelli che si hanno con sé al ritorno da un viaggio fuori dai confini nazionali.

Tale decisione del Ministero, che autorizza l’importazione di farmaci dall’estero autorizzati nei Paesi di provenienza, in questo momento potrebbe essere di particolare aiuto a coloro che stanno acquistando in India copie (ossia farmaci generici, con gli stessi principi attivi degli originali) dei costosissimi antivirali prodotti per il trattamento dell’epatite C. Si tratta di pazienti che non vogliono attendere che il farmaco sia disponibile anche in Italia oppure che non possiedono i requisiti clinici per accedere alle nuove terapie e per questa ragione si rivolgono ad un mercato che richiede prezzi più abbordabili.

Grazie alla circolare del Ministero della Salute, infatti, tali farmaci importati dall’estero non saranno più bloccati alla dogana italiana, in fase di controlli, riuscendo a garantire, in questo modo, una maggiore libertà nella scelta delle cure e un più ampio accesso ai trattamenti sanitari a coloro che ne hanno bisogno.