Si è conclusa a Milano, la decima edizione di “Fa’ la cosa giusta” fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita ecosostenibili. Visitando i padiglioni ci si rende conto che il concept su cui si basa questa manifestazione non si riduce, come spesso lo stereotipo suggerisce, a sparute di nicchie di fanatici che si nutrono di semi e indossando abiti di foglie secche. Noi di Leonardo siamo andati a curiosare fra i 700 stand allo scopo di selezionare per voi le idee più innovative, utili e, perché no, foriere di risparmio senza, per questo, rinunciare al glamour.

Le aziende specializzate nel consumo critico ed ecosostenibile abbracciano ogni campo: alimentazione bio, turismo sostenibile, moda etica, cosmesi naturale, arredamento, auto e scooter elettrici ma anche splendidi oggetti di design realizzati con oggetti recuperati e riciclati.

Sotto il fronte cosmesi ci è piaciuta la proposta di Lush, azienda che propone prodotti fatti a mano i cui punti di forza sono, senza dubbio, la mancanza di inutile packaging (costoso e inquinante), la mancata sperimentazione sugli animali correlati a prezzi assolutamente abbordabili e ad una vasta gamma di prodotti glamour che deliziano l’occhio.

Intelligente la proposta di Milanbike: un progetto di consegne a domicilio in bicicletta; fulgido esempio di mobilità sostenibile che sostituisce perfettamente le modalità in vigore, dispendiose e inquinanti. L’azienda offre lavoro a giovani universitari che, in sella alle proprie biciclette, consegnano qualunque tipo di materiale: vino, carta intestata, plichi, medicinali, spesa del supermercato, cosmesi, cassette di frutta ecc. ecc.

Viaggiare nel rispetto del territorio che ci ospiterà è possibile attraverso Viaggi Solidali: una cooperativa con licenza di tour operator che propone viaggi etici e vacanze sostenibili sotto il fronte ambientale e sociale. Il concetto stesso di viaggio è inteso e perseguito attraverso una scoperta autentica del Paese avulso dal concetto di turismo/comitiva che, spesso, impedisce di gustarsi l’autentica natura del luogo visitato. Conoscenza e scambio culturale sono alla base della filosofia di questa cooperativa che ha creato un meccanismo di sostegno a favore delle comunità visitate.

In ambito lavorativo abbiamo trovato molto utile e lungimirante la proposta di Greenjobs: un portale web di annunci di lavoro, fruibile gratuitamente, mirato a favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro per le professioni inerenti la green economy e il no profit. Perché le risorse del pianeta non sono inesauribili e, secondo un criterio assolutamente logico, i lavori del futuro saranno fortemente incentrati su questa consapevolezza.

Fotografie a cura di Matteo Scaccabarozzi