Si considera che un alimento riporta termini riferiti alla produzione biologica quando:

1. nell’etichettatura, nella pubblicità o nei documenti commerciali, il prodotto stesso, i suoi ingredienti sono descritti con termini che suggeriscono all’acquirente che il prodotto, i suoi ingredienti sono stati ottenuti conformemente alle normative di produzione biologica vigenti. In particolare il termine “biologico” in qualsiasi lingua tradotto, nonché i rispettivi derivati e abbreviazioni, quali “bio” e “eco”, possono essere utilizzati, singolarmente o in abbinamento, nell’etichettatura e nella pubblicità di prodotti che soddisfano le prescrizioni delle normative di produzione biologica vigenti;

2. i termini di cui al punto 1 non vanno utilizzati in alcun luogo e in nessuna lingua, nell’etichettatura, nella pubblicità e nei documenti commerciali di prodotti che non soddisfano le prescrizioni delle normative di produzione biologica vigenti, salvo qualora non si applichino a prodotti agricoli in alimenti o non abbiano chiaramente alcun legame con la produzione biologica;

3. i termini di cui al punto 1 non vanno utilizzati in alcun luogo e in nessuna lingua, nell’etichettatura, nella pubblicità e nei documenti commerciali di prodotti la cui etichetta o pubblicità deve indicare che esso contiene OGM, è costituito da OGM o è derivato da OGM conformemente alle normative vigenti sugli OGM;

4. nell’etichettatura e nella pubblicità non sono inoltre ammessi termini, compresi i termini utilizzati in marchi, o pratiche che possono indurre in errore il consumatore o l’utente suggerendo che un prodotto o i suoi ingredienti soddisfano le prescrizioni delle normative di produzione biologica vigenti.

LA PROCEDURA PER L’ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI
L’operatore può apporre le etichette su un alimento biologico se sono soddisfatte le seguenti condizioni:
1. possiede un certificato valido di conformità dei prodotti biologici e un esemplare dell’etichetta approvata da Bioagricert relativi all’alimento stesso;
2. ha la certezza della conformità dell’alimento alle norme di produzione biologica applicate.

Per la gestione delle etichette, l’operatore deve:
1. verificare la rispondenza delle etichette con l’etichetta approvata da Bioagricert, prima del loro utilizzo;
2. mantenere la registrazione del carico scarico delle etichette.